• Google+
  • Commenta
13 Maggio 2011

Imparare l’arte dell’amore: all’Università di Pechino oggi si può!

Seguire lezioni d’amore da oggi si può. A stabilirlo è l’Università di Pechino, con l’introduzione nel normale programma di studio degli studenti di corsi sulla misteriosa arte dell’amore.Chi non ha mai pensato di seguire un corso su “come gestire una relazione sentimentale” o dare un esame sull’amore omosessuale?
Così come ad Harvard si insegna agli studenti ad essere felici, a Pechino ben presto si studierà come esprimere e gestire il proprio amore. Saranno infatti introdotti nel regolare piano di studi dell’Università dei veri e propri corsi di relazioni sentimentali.

Non si tratta dell’idea di qualche regista per un nuovo telefilm, ma di un’iniziativa del Comitato Municipale per l’Educazione della città, il cui intento principale è quello di focalizzarsi sul benessere psicologico degli studenti. Nessuno sa ancora come saranno impostate queste lezioni, quel che è certo è che saranno affiancati ai normali corsi di studio. La partecipazione sarà comunque facoltativa.
Una novità assoluta questa, che ha avuto echi di protesta in tutto il mondo e ha suscitato scandalo in una Cina molto tradizionalista, dove l’amore omosessuale è ancora guardato con sospetto.

Nei campus i docenti si chiedono quanto sia appropriato affrontare questi temi, dal momento che dovrebbero essere discussi durante l’adolescenza.
Malcontenti anche da parte degli studenti, che lamentano l’inutilità del corso: “L’amore non può essere insegnato. Si impara in prima persona”.
Tra i favorevoli all’iniziativa il professore Fang Gang, un docente dell’Università di Pechino, che come ha spiegato al South China Morning Post trova singolare constatare che le autorità abbiano per la prima volta richiesto di affrontare il tema dell’omosessualità, in una realtà dove pregiudizi e discriminazioni sono ancora il pane quotidiano.

Xia Xuelan, insegnante di sociologia, sembra essere abbastanza entusiasta dell’idea: “I corsi possono aiutare gli studenti a formarsi una visione positiva dell’ amore e ad imparare a gestire i fallimenti nelle relazioni, in modo da evitare comportamenti estremi”. Negli ultimi anni, infatti, secondo le statistiche è cresciuto il numero di suicidi giovanili, la maggior parte dei quali sembrano essere legati al settore sentimentale.

In realtà la Cina non vanta un vero e proprio primato nel settore dell’amore. Già Leo Buscaglia, scrittore e docente universitario statunitense di origine italiana, fu il primo al mondo ad avviare un corso sull’amore alla University of Souther California. “L’amore si impara”, disse, “come qualunque altra cosa nella vita”.

Claudia Fazio

Google+
© Riproduzione Riservata