• Google+
  • Commenta
19 settembre 2011

Le scuole inglesi dicono addio a Word e Excel

L’Inghilterra è la nazione che nei corsi di informatica nelle scuole sta mettendo da parte le ormai desuete lezioni di Word e Excel, un programma di scrittura e uno di calcolo di casa Microsoft. E’ quanto sta varando il governo britannico riformando il curriculum scolastico dei giovani inglesi, che nell’informatica studieranno i principi di programmazione invece che utilizzare i vecchi e classici corsi su Word e Excel.

Due programmi che generalmente sono presenti in tutti i personal computer con il sistema operativo commerciale della Mivrosoft Corporation. “Usando si impara” è il classico motto che si può adattare a Word, meno a Excel.

Il professor Tom Crick, docente di Scienze Informatiche all’Università di Wales Institute di Cardiff, sostiene ad esempio che è tempo di revisionare il curriculum IT degli studenti.

E’ fondamentale che ci sia un’enfasi negli alluni nel sviluppare il pensiero di calcolo fondamentale, risolvere problemi e le analisi profonde. Queste sono le abilità che i datori di lavoro vogliono, esse sono applicabili in numerose industrie, non solo nelle scienze. Una continua mancanza di attenzione nella formazione informatica – conclude – potrebbe ostacolare le opportunità di lavoro per molti studenti nella scuola di oggi e avranno conseguenze gravi per l’economia del Regno Unito nei prossimi 10 o 20 anni”.

In Inghilterra sta per prendere l’avvio il programma “Behind the screen” promosso da David Willetts, ministro della scienza, il quale ha detto al British Science Festival (Bradford) che questo progetto è in cantiere da ormai quasi un anno. Behind the screen è l’iniziativa che creerà programmi informatici di scrittura, in un momento in cui le competenze informatiche stanno diventando sempre più importanti per l’economia del Regno Unito.

Danilo Ruberto

Google+
© Riproduzione Riservata