• Google+
  • Commenta
22 settembre 2011

Scontri nell Yemen: uccisi cinque studenti universitari

Scorre ancora il sangue nelle strade di San’a capitale dello Yemen, dopo il cessate il fuoco siglato tra le forze lealiste e i manifestanti, a cui secondo Al Arabya, si sarebbe unito il generale Ali Muhsin al-Ahmar, oggi sono rirpesi violenti gli scontri .

Secondo l’agenzia di stampa cinese, Xinhuà che cita fonti mediche le truppe fedeli al presidente, il 21 settembre, di fronte l’università cittadina , avrebbero aperto il fuoco contro la folla provocando la morte di cinque studenti universitari.

Sale dunque il numero di vittime degli scontri che negli ultimi quattro giorni hanno incendiato le vie della capitale yemenita. Un numero che assume ormai le proporzioni di un vero e proprio bollettino di guerra: si contano almeno 81 vittime.

Non c’è tregua dunque nello stato arabo, nonostante l’invio alla calma del vicepresidente Abd Rabbo Mansour Hadi, il sostituto di Saleh momentaneamente convalescente, che ha raccolto l’invito lanciato dagli Stati Uniti e dell Arabia Saudita, che hanno invitato il governo dello Yemen a scendere a patti con i manifestanti.

Lo Yemen è ormai da otto mesi in stato di guerra civile, dopo che le ondate di protesta che hanno attraversato il mondo arabo, si sono diffuse anche qui.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata