• Google+
  • Commenta
5 novembre 2011

Siete favorevoli alla Tav? Ecco il nuovo sondaggio di tesionline

Nuovo mese, nuovo sondaggio. Tesionline ha lanciato un nuovo sondaggio ai giovani italiani e dopo la famosa domanda su chi era il miglior giornalista della tv che ha visto la vittoria della Gabanelli questa volta è stato chiesto: siete favorevoli alla Tav?

I risultati hanno visto come gli 11.968 laureati che hanno votato al sondaggio siano d’accordo anche se non con una percentuale altissima (solo il 39%), contro il 35% dei votanti contrari mentre non sa cosa dire il 26%.

Delle percentuali di coloro che si dichiarano favorevoli e non favorevoli c’è da fare un’ulteriore distinzione:

Sul versante dei favorevoli:

-* per il 23,4% sostiene che il “corridoio” che unirà Lisbona a Kiev ridurrà l’inquinamento in Val di Susa perché sposterà su rotaia le merci che ora corrono sui Tir e grazie all’elevata tecnologia riuscirà a contrarre l’attuale inquinamento acustico del 90%;

-* per il 22,6% sostiene che la costruzione del TAV rilancerà l’economia, visto che il nostro Paese rappresenterà uno snodo fondamentale di una rete che collegherà l’intera Europa, e permetterà di contribuire all’ammodernamento del nostro sistema infrastrutturale;

-* per il 18,2% di loro è giusto che decisioni del genere vengano prese ad alti livelli e non dalla gente comune che non ha adeguate competenze;

-* per il restante 15,3% sostiene che il cantiere è importante perché porterà lavoro anche in Val di Susa, dal momento che una parte della forza lavoro impiegata sarà residente lì.

Per coloro che si sono dichiarati non favorevoli, invece:

-* per il 21,1% l’investimento economico è sproporzionato e durerà anni, e potrebbe essere invece utilizzato per potenziare la linea ferroviaria già esistente;

-* per il 20,4% che è convinto anche che la TAV sarebbe sottoutilizzata visto che il traffico sulla direttrice Torino- Lione è in continua diminuzione, specialmente quello che passa attraverso il Frejus;

-* per il 19,7% crede che il territorio verrà snaturato, e comunque la valle ha già dato un ampio contributo ai collegamenti con la Francia, con l’autostrada, il traforo del Frejus, due strade statali e una linea ferroviaria;

-* per il 17,5% scavando nella montagna per la realizzazione del tunnel si diffonderanno le polveri di amianto e uranio trovate anni fa, con pericoli enormi per la salute della popolazione locale e dell’ambiente;

-* per il 15,3% dice di non essere d’accordo all’opera perché non ridurrà affatto l’inquinamento come invece sostengono altri.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy