• Google+
  • Commenta
11 febbraio 2012

Francofilm – Festival del Film Francofono di Roma

Ritorna a Roma per il terzo anno consecutivo uno dei più interessanti Festival del cinema. Francofilm – Festival del Film Francofono di Roma.

Come per le passate edizioni, le aspettative sono alte e anche quest’anno i film non sono da meno.
Dal 16 al 23 marzo, infatti, Roma diventerà la capitale delle migliori pellicole recenti, molte delle quali inedite in Italia, vestendosi dei migliori film proveniente dai Paesi francofoni di tutto il mondo e presentati dai propri registi e interpreti.

Le proiezioni e gli incontri si terranno presso l’Institut Français – Centre Saint-Louis di Roma , si deve proprio all’istituto la riconoscenza di aver rinnovato e organizzato anche quest’anno una delle manifestazioni culturali più interessanti mai viste, grazie anche al sostegno delle Ambasciate dei Paesi francofoni in Italia.

Il sipario si aprirà venerdì 16 marzo con un concerto inaugurale affidato al quartetto AkliD per poi proseguire con una vasta selezione di pellicole provenienti da Belgio, Ungheria, Marocco, Lussemburgo, Canada Quebec, Romania,Svizzera, ma anche Tunisia, Libano, Egitto, Haiti, Slovacchia e Ciad.
La politica degli organizzatori del Festival non è solo quella di regalare agli spettatori un viaggio alla scoperta di diverse culture tramite i tanti documentari in concorso quest’anno, ma è anche quella di cercare di creare una vera e propria relazione attiva tra il film e il suo pubblico, infatti a seguito di ogni proiezione gli spettatori potranno votare per decretare il film vincitore del “Premio del pubblico”.

Il Festival – a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti – presenterà tra i tanti: il lussemburgese Le Refractaire, del regista Nicolas Steil, che fa luce su uno spaccato della storia del Lussemburgo durante la Seconda Guerra Mondiale: l’esistenza di uomini che si sono rifiutati di partire per il fronte dalla parte dei tedeschi in seguito all’annessione del Paese al Terzo Reich.

Ma anche il rumeno Europolis, diretto da Cornel Gheorghita, un dramma fantasy basato sulla poco conosciuta tradizione rumena , che ritiene che l’anima ripercorra i momenti vissuti in vita durante i quaranta giorni di lutto.

Il festival si concluderà il 23 marzo con la splendida voce di  Awa Ly accompagnata dal trombettista Aldo Bassi come ospite d’onore.

Insomma, un appuntamento, per gli amanti della cultura francofona e non, assolutamente da non perdere!

 

Google+
© Riproduzione Riservata