• Google+
  • Commenta
24 Febbraio 2012

‘Teatro Off’: a giugno arriverà il Fringe festival anche nella capitale

 

A giugno, nel quartiere capitolino di S. Lorenzo, Villa Mercede si trasformerà in un grande spazio nel quale accogliere le proposte di teatro ‘Off’, rappresentato da quelle compagnie o gruppi teatrali che non riescono mai ad arrivare all’attenzione dei critici, a causa della mancanza di fondi con cui promuoversi e diffondere il proprio lavoro.

Il Roma Fringe Festival sarà organizzato sul modello dei festival di teatro “fringe”, dilagatosi in tutto il mondo, soprattutto a partire dagli anni ’70. Il termine “fringe” (che significa “frangia”, dunque, “marginale”) deriva da un commento del drammaturgo scozzese Robert Kemp, il quale, nel 1948, lo utilizzò per qualificare la seconda iniziativa storica di questo tipo. L’anno precedente, infatti, otto compagnie teatrali che furono scartate dall’Edinburgh International Festival, decisero di autofinanziarsi per creare uno spazio proprio, “marginale” al festival ufficiale: nacque il primo festival di teatro indipendente.

Per l’occasione, il parco di Villa Mercede sarà provvisto di tre aree distinte in cui si esibiranno cinquantaquattro compagnie ‘Off’ e tre ‘big’, per ventitré giorni di festival, nove performance al giorno. Per partecipare tra le proposte, il regolamento si trova sul sito www.fringeitalia.it.
Finalmente, dunque, arriva la prima importante vetrina romana per il teatro “Off”; un’occasione, quella del Roma Fringe Festival, per avvicinare grandi quantità di pubblico (i prezzo dei biglietti sono molto più bassi rispetto al solito) a un teatro di ricerca e alternativo, in un quartiere, poi, centrale e comunque culturalmente sensibile (proprio nel quartiere S. Lorenzo si trova la sede del Dipartimento di Arte e Spettacolo dell’Università ‘La Sapienza’).
Il festival rappresenterà, inoltre, la prima reale occasione per questi gruppi teatrali di trovarsi al cospetto di una “giuria di qualità”, composta da giornalisti e critici. La compagnia più quotata dalla giuria si aggiudicherà il premio di un budget di 2.500€, destinato alla realizzazione di un’azione teatrale da presentare al Fringe International Festival di New York.
Oltre alle esibizioni degli artisti, Roma Fringe Festival offrirà anche «incontri, workshop e presentazioni di libri, una rassegna di corti e tante iniziative collaterali, facendo vivere di cultura tutta l’area metropolitana».

Google+
© Riproduzione Riservata