• Google+
  • Commenta
27 marzo 2012

Edilizia scolastica: l’anagrafe deve essere aggiornata

Tutte le istituzioni scolastiche nel periodo compreso tra il 26 marzo e il 30 aprile 2012 dovranno rilevare e poi inserire, in una determinata area chiamata SIDI, i dati relativi all’edilizia scolastica, così da permettere il consueto aggiornamento dei dati che avviene ad opera del Miur.

La ratio di questo aggiornamento sta in un’esigenza, esplicitata come segue nella nota 23 marzo 2012 prot. n. 1369 del Miur, in virtù della quale “a distanza di due anni dall’ultimo aggiornamento della banca dati sull’edilizia scolastica, occorre disegnare una nuova mappa degli edifici scolastici, sia per tener conto dei cambiamenti intervenuti nel frattempo e sia per acquisire informazioni aggiuntive, quali lo stato di sicurezza e le caratteristiche antincendio degli edifici medesimi”.

Tale aggiornamento dei dati non è semplicissimo, dividendosi in due momenti ben distinti: nel primo, che va dal 26 marzo al 13 aprile 2012, bisogna procedere al cosiddetto “censimento” dei singoli edifici (ed è di rilevante importanza sottolineare il fatto che sarà il dirigente dell’istituto scolastico di grado più alto o, a parità di grado, avente il più alto tasso di studenti iscritti, a dover effettuare il suddetto censimento nell’eventualità in cui diverse scuole utilizzassero gli stessi edifici).

Nel secondo momento, invece, che va dal 16 aprile al 30 aprile 2012, le scuole dovranno verificare che il censimento degli edifici ad esse relative sia avvenuto correttamente, giungendo infine alla compilazione di un questionario relativo alle procedure specifiche antincendio.

Tutto ciò deve essere effettuato da parte delle scuole in una determinata area: SIDI edilizia e anagrafe scolastica.

Si tratta di un compito importante, questo che le scuole italiane sono chiamate a svolgere nei prossimi giorni. Un compito che speriamo ogni scuola svolgerà con la massima diligenza e serietà, perché la scuola è un bene collettivo, un bene primario, un bene di tutti, e per migliorarla occorre serietà, diligenza, precisione.

Google+
© Riproduzione Riservata