• Google+
  • Commenta
13 marzo 2012

Grande fratello, grande fardello: è un addio o un arrivederci?

Finalmente addio o semplicemente arrivederci? Il Grande Fratello 2012 pare che, terminata la corrente edizione (prevista per il 1 aprile) cada in letargo per qualche tempo, considerando il catastrofico andazzo di quest’anno. Forse gli italiani si stanno svegliando?

Grande Fratello

Grande Fratello

Forse aspirano a programmi più brillanti, o banalmente si sono stancati della solita storia che si ripete ormai da anni e aspettano un cambio di rotta?

Ciò che appare chiaro è il vertiginoso calo di ascolti mai verificatosi nelle precedenti edizioni. Nella puntata di domenica 11 marzo infatti, il GF 12, ha incassato un colpo davvero basso: un 15 % di share; risultato non certo entusiasmante se si fa riferimento ai picchi di ascolti registrati fino allo scorso anno.

È evidente che il reality show, abbia fallito l’operazione di conquistare una grossa fetta di pubblico.

Della crisi di ascolti, ha recentemente parlato il vicepresidente Mediaset Piersilvio Berlusconi in un’intervista per il Messaggero, così dicendo: “Il Grande Fratello sta vivendo una stagione particolare per vari fattori, a cominciare dalla scelta del cast. Probabilmente, ha bisogno di riposare, ma il reality resterà uno dei generi della tv generalista”. La dichiarazione ha lasciato pensare che il reality fosse prossimo alla fine ma repentinamente il vicepresidente ha provveduto a smentire le malelingue.

Sicuramente, in base alle parole di rettifica del vicepresidente circolate via Twitter, per il 2013 il GF vanterà non poche novità a partire da una new entry in fatto di conduzione. Il reality dunque adotterà la via dello svecchiamento e l’impresa si prospetta ardua in quanto nell’attuale edizione sono stati vari gli accorgimenti scelti per rinsavire gli ascolti; basta ricordare il rientro di concorrenti delle passate edizioni.

Il reality che vanta il titolo ispirato alla celebre opera di George Orwell, 1984, (in cui un Grande Fratello capo e dittatore dello stato totalitario d’Oceania , grazie a delle telecamere sorvegliava costantemente le azioni dei cittadini) nella prossima “pausa di riflessione” avrà molto su cui meditare.

Si spera che il calo d’interesse sia dovuto ad un pubblico che apre le porte all’alba di un nuovo giorno, affamato di cultura e non di mediocrità, avido di sapere e poco interessato alle bassezze di cui spesso si cingono i concorrenti. Non c è decenza e rispetto per lo stesso pubblico che in molti casi si compone di giovani senza filtri e non adulti pronti a scindere la vita reale da qualcosa di fittizio come ciò che propone un reality.

Un programma, nel momento in cui viene proposto, ha inevitabilmente delle ripercussioni sociali e il GF non ostenta di certo esempi positivi; mercificazione del corpo e dei sentimenti ricorrono di frequente (senza parlare dell’ecatombe culturale di cui siamo tutti testimoni) e sentendo il parere di molti genitori, questi si dichiarano “felici se chiudesse”.

Google+
© Riproduzione Riservata