• Google+
  • Commenta
11 marzo 2012

Hitler chic: una nuova moda ha conquistato i giovani tailandesi

A Bangkok sembra che si stia diffondendo una nuova moda davvero controversa: il cosiddetto “HITLER CHIC” (o “NAZI CHIC”). In particolare, è una tendenza che vede protagoniste le T-shirt, sulle quali vengono stampate raffigurazioni (dalla grafica infantile, simile a quella dei cartoni animati) del Führer in pose a dir poco inusuali, per chi conosce il personaggio.

Infatti, si passa da un Hitler travestito da Teletubbie rosa (con una Svastica sull’antenna) o, ancora, da piccolo panda, a un Ronald McDonald (il clown della popolarissima catena di fast-food) provvisto inaspettatamente di baffetti e impegnato in un convinto (quanto inquietante) saluto romano. Le T-shirt costano dai 200 ai 370 baht al pezzo: fra i cinque e i dieci euro.

Il proprietario del famoso negozio che per primo le ha esposte in vetrina e che si fa chiamare “Hut”, è un trentenne laureato in Arte presso un’università locale. “Non è che mi piaccia Hitler – afferma – è che è buffo e le sue magliette sono molto popolari tra i giovani”. Dice di sapere che molti turisti stranieri non sono affatto affascinati dalla sua “brillante idea”, tantomeno il locale ambasciatore dello Stato di Israele, Itzhak Shoham, che, riguardo a questo nuovo trend, ha affermato: “Ferisce i sentimenti di ogni ebreo e di ogni persona civilizzata”.

Hut non è il solo ad aver alimentato la moda: spuntano in diversi centri commerciali negozi molto simili al suo, che espongono in vetrina le stesse magliette raffiguranti il noto dittatore nazista. Inoltre, al Chatuchak Weekend Market si possono trovare portachiavi, riproduzioni dei poster di propaganda del Terzo Reich, ciondoli con croci di ferro e aquile fasciste.

L’ipotesi più gettonata per tentare di spiegare questo fenomeno di celebrazione nazista (che sembra aver superato la “fase T-shirt”, fino ad approdare a vere e proprie parate organizzate da studenti liceali travestiti da SS) è un’ ignoranza profonda di ciò che per molti rappresenta l’immagine di Hitler.

Abraham Cooper, socio del Centro Simon Wiesenthal di Los Angeles, che monitora le attività neo-naziste a livello mondiale, concorda sul fatto che le manifestazioni di Nazi-chic in questa zona siano spesso dovute a pura ignoranza. “Eppure la gente del posto dovrebbe informarsi su Hitler e sulla sua perniciosa eredità ideologica” – insiste.  “Se i nazisti avessero vinto la guerra, l’ideologia razzista di Hitler avrebbe poi preso di mira tutte le razze che egli riteneva inferiori, compresi gli asiatici.

 

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata