• Google+
  • Commenta
19 aprile 2012

Andrea Segre alla Cattolica di Brescia per il progetto “IndignArti”

Inizierà il 19 aprile nell’aula polivalente dell’Università Cattolica di Brescia la prima serie di conferenze “IndignArti” che si occuperanno di fornire una soluzione alla crisi odierna che attraverso il nostro paese.
Lo scopo di questo progetto non si risolve semplicemente nell’incontro tra passione civile, arte e comunicazione, ma ciò che qui si propone è una soluzione che vede come protagonisti i Giovani. Coloro ai quali questo mondo è destinato, coloro i quali un domani più pagheranno gli errori di chi li ha preceduti.

“IndignArti” prova quindi a sottolineare che esiste un’ondata di sconvolgimento mondiale e che proviene proprio dai ragazzi che, attraverso l’utilizzo dei media, dello spettacolo, ma soprattutto dei social network (qualche volta hanno anche un utile funzione..) riescono a gridare il loro disagio, riescono a farsi sentire e a proporre una soluzione concreta, un’IDEA, ciò che più manca nella nostra società, che non ha tempo per trovare un rimedio, ma solo quello per lamentarsi.
Quello che serve è fornire la società di un’ideologia, qualcosa a cui aggrapparsi. Recentemente emerse, in una trasmissione televisiva, lo scalpore provocato dall’intervento di alcuni giovani “indignati” con la maschera di V, eroe del celebre film “V per Vendetta”.  Come la protagonista ricorda nel film, sotto il volto di V si nascondono milioni di persone. Stanche, disoccupati, precari, giovani, donne ed emarginati.
Gli incontri che si svolgeranno nell’ateneo Bresciano metteranno in rilievo questo: la necessità di sconvolgersi. E’ solo ammettendo l’esistenza di grandi problemi che un giorno, eventualmente, questi potranno essere risolti e se a risolverli saranno Robin Hood, Zorro o V poco importa.


Durante l’incontro sarà proiettato in anteprima a Brescia nuovo documentario di Andrea Segre, regista e sociologo della comunicazione, “Mare Chiuso”, che dà voce a migranti e profughi africani in fuga dalla Libia allo scoppio della guerra nel 2011.
Abbiamo il coraggio di “IndignarCi

Google+
© Riproduzione Riservata