• Google+
  • Commenta
17 aprile 2012

Lotta fra Titani: l’epilogo del contenzioso Android, Google e Oracle

Otto settimane ci separano dalla verità, sapremo finalmente come finirà il contenzioso per Android e brevetti Java, tra Google e Oracle

Il contenzioso nasce dalla violazione dei brevetti Java per Android, comprati da Oracle nell’acquisizione di Sun.

Da otto mesi il contenzioso giudiziario tra Google e Oracle tiene banco dividendo i più tra le due fazioni. La querela riguarda ben sette brevetti e il copyright relativo al linguaggio di programmazione Java.

Da sempre Google sostiene la propria difesa affermando che i brevetti Java sono liberi in quanto open source. Dall’altra parte del banco, Oracle sostiene che il codice in questione è stato copiato riga per riga provocando danni per 6,1 miliardi di dollari.

Più volte Oracle ha proposto di concludere con un risarcimento danni di 2 miliardi di dollari.

Lo sviluppatore di Java, in risposta al contenzioso, è andato a lavorare da Google.

William Alsup, giudice distrettuale di San Francisco, dovrà porre fine al contenzioso entro due mesi.

La causa si svolgerà in tre fasi ben distinte; copyright, i reclami sui brevetti e gli eventuali danni.

Gli esperti di Oracle si dichiarano pronti alla trattativa per chiudere con un risarcimento di 2,2 miliardi di dollari per patent infrigment, ma l’avvocato di Google afferma che i fatti non giustificherebbero tale cifra anche in considerazione di possibili ricavi, non presi in considerazione dai legali di Oracle, che Sun o Oracle avrebbero guadagnato se avessero siglato una partnership con Google su Android.


Google+
© Riproduzione Riservata