• Google+
  • Commenta
9 aprile 2012

Parma: MILLE scatti per la storia d’Italia.

Si terrà sabato 14 aprile presso il Palazzo del Governatore (Piazza Garibaldi) la mostra “I mille. Scatti per una storia d’Italia attraverso le collezioni CSAC”, organizzata dal Centro Studi e Archivio della Comunicazione (CSAC) dell’Università di Parma, per celebrare il centocinquantenario dell’Unità d’Italia.
L’ evento è stato presentata martedì 3 aprile e costituisce un tributo onorario a Garibaldi e alla sua impresa, grazie alla quale si è formata quell’Italia che oggi, a tutti i costi, sembra si voglia distruggere, separare. Grazie agli archivi del CSAC si potranno così ammirare ben 1000 immagini evocative, presenti anche nelle 400 pagine del catalogo critico.

La mostra è suddivisa in cinque temi: Paesaggio, Lavoro, Rituali, Ritratto e Storie ciascuna delle quali è caratterizzata da immagini in ordine cronologico.
Quella che viene raccontata attraverso questi dipinti istantanei però, non è la solita storia italiana rappresentata da battaglie, importante personalità o confronti politici bensì, quello che vuole essere rappresentato è un paese in trasformazione, in itinere, con le modifiche relative al paesaggio, ai modi di vivere, ai rapporti.
Si lavora insomma attorno all’idea del mutamento (speriamo) in meglio.

La sezione Paesaggio, ad esempio, inizia con la fotografia degli anni 60-70 dell’Ottocento che riproduce la prima immagine dell’Italia unita e prosegue con il nuovo paesaggio degli anni 30. La parte relativa al Lavoro comprende molto fotografie ottocentesche del modenese Studio Orlandini e anche molti scatti di Bruno Stefani e Federico Patellani; quando poi si arriva a riprodurre gli anni ’70, anni centrali per l’attività lavorativa, si assiste un nuovo modo di raccontare la fabbrica e la manovalanza con le foto di Uliano Lucas.
La parte Rituali in mostra è rappresentata dalle ricerche antropologiche condotte da molteplici fotografi negli anni 70 come Mimmo Jodice, Marialba Russo, Mario Cresci e Lello Mazzacane.
L’ultima sezione, dedicata alle Storie, propone, fra tutte, le immagini di Luca Comerio relative alla repressione nel 1898 delle rivolte popolari chiuse con gli eccidi del generale Bava Beccaris.

La mostra occuperà il Palazzo del Governatore dal 14 aprile al 10 giugno 2012.

 

Google+
© Riproduzione Riservata