• Google+
  • Commenta
22 maggio 2012

La crisi ci fa più poveri e più grassi: cresce l’attenzione medica alla dietologia

La crisi economica che fa diventare più obesi e il fardello dei chili di troppo, già in gioventù, che levano anni alla vita. Ben otto, calcolano gli scienziati dell’Università di Copenaghen, che nel loro studio ci dicono anche che gli obesi hanno un rischio due volte maggiore di morire rispetto a chi non lo è. Pericoli acuìti dalla crisi finanziaria che fa ingrassare chi con pochi soldi per nutrirsi è costretto a ricorrere allo junk food, il cibo spazzatura. Un test effettuato su un campione di nove mila persone ha infatti dimostrato che il 25% di chi ha debiti economici è clinicamente obeso, rispetto all’11% di chi ha un lavoro e qualcosa. E poi l’accrescimento delle conoscenze nel campo dell’alimentazione e della nutrizione dimostrano con sempre maggiore evidenza la loro centralità rispetto alla cura e alla prevenzione di un larghissimo spettro di patologie, accentrando sempre più l’attenzione del mondo medico sulla dietologia e sulla dietoterapia.

 

Per questo l’Università Campus Bio Medico di Roma ha organizzato un “Corso di alta formazione in nutrizione clinica” per l’aggiornamento continuo di tutti coloro che direttamente o indirettamente sono coinvolti nella prevenzione o nella terapia dietetica, singolarmente o in team specialistici sempre entro le direttive sancite dalla legge. “La grande novità – spiega il Professor Michele Cicala, Primario di Gastroenterologia al Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e Responsabile scientifico del Corso – è l’aver portato contestualmente in aula medici, infermieri, dietisti e nutrizionisti. Figure considerate a torto antagonistiche e che dall’esperienza di collaborazione in aula troveranno stimolo a favorire le sinergie indispensabili a una buona pratica professionale”.

 

Il Corso, organizzato dall’Unità Operativa Complessa (UOC) di Gastroenterologia del Campus Bio-Medico, è articolato in 7 moduli ECM e costituisce un unico percorso formativo, finalizzato all’approfondimento delle conoscenze nel campo della nutrizione clinica e del metabolismo attraverso l’insegnamento dei meccanismi fisiopatologici sottostanti la malnutrizione e le alterazioni metaboliche. In particolare, verrà curato l’aspetto pratico della dietoterapia e verranno trasferite ai partecipanti le modalità attraverso cui un programma dietetico può soddisfare tutti i fabbisogni di energia e nutrienti di un singolo individuo. A riguardo verranno date le informazioni essenziali sui requisiti nutrizionali dei comuni alimenti e sul ruolo svolto dalle moderne tecnologie alimentari.

 

Tre gli obiettivi formativi:

1) l’ accertamento dello stato di nutrizione mediante analisi della composizione corporea con tecniche bioimpedenziometriche ed antropometriche;

2) la conoscenza dei presupposti per la corretta alimentazione in particolari condizioni fisiologiche.

3) l’attuazione di protocolli nutrizionali per la prevenzione ed il trattamento delle principali patologie acute e croniche.

 

Il Corso inizierà il 15 settembre prossimo per concludersi il 1° dicembre mentre per iscriversi c’è tempo fino al 31 luglio, anche on-line su www.unicampus.it/nutrizione

Google+
© Riproduzione Riservata