• Google+
  • Commenta
17 Maggio 2012

La Seconda Università degli Studi di Napoli e le dimissioni di Lanza

Caserta. Il 9 maggio scorso il Direttore Amministrativo della Seconda Università di Napoli Vincenzo Lanza ha rassegnato le dimissioni scaturendo polemiche e sconcerto tra i sindacati universitari e nell’ambiente accademico.

Inizialmente questa scelta repentina ed inaspettata ha fatto sorgere sospetti che hanno individuato nel Rettore del secondo Ateneo napoletano, Francesco Rossi, il “colpevole” di tutta la vicenda. In molti hanno parlato di tensioni di rapporto tra i due e nessuno è riuscito a trovare altra spiegazione che questa alle inaspettate dimissioni di Lanza, il quale ricopriva il ruolo di Direttore Amministrativo della Seconda Università di Napoli da ormai 20anni, dalla fondazione dell’Ateneo.

Proprio ieri però è arrivata la notizia che sembrerebbe essere in grado di portare un po’ di luce sull’intera faccenda. Dalle dichiarazioni fatte dal Rettore Rossi ai giornali pare che le dimissioni di Vincenzo Lanza debbano essere attribuite alla scadenza di una proroga di mandato e non a dissapori creatisi fra lui e l’ex Direttore Amministrativo. Inoltre Rossi ha voluto smentire la presenza di questi fantomatici dissapori: al contrario di ciò che dicono in giro in molti, il rapporto tra i due è sempre stato ottimo, hanno sempre collaborato al meglio per un risultato comune, il bene dell’Ateneo.

Vincenzo Lanza, dopo 20anni di egregio servizio alla Seconda Università di Napoli, era diventato uno dei cardini portanti dell’Ateneo, purtroppo però dopo tanto lavoro ha dovuto rassegnare le dimissioni. La causa di ciò è in gran parte riconducibile all’arrivo sulle scene accademiche e scolastiche italiane della Legge Gelmini, la quale vuole la figura del Direttore Amministrativo sostituita da quella di Direttore Generale di Ateneo.

Questa motivazione pare ancora non bastare a coloro che fanno parte dell’ambiente universitario ed ai sindacati. La velocità con cui il tutto è stato fatto continua ad insospettire. Per provare a fare ulteriore chiarezza sulla vicenda il Rettore Francesco Rossi ha deciso perciò di incontrare i sindacati che sembrano essere i meno convinti sui fatti e sulle spiegazioni date a giustificazione di essi. Nel frattempo l’incarico di Lanza è ricoperto dal suo vicario Annamaria Gravina, successivamente sarà pubblicato un bando di concorso per la sostituzione definitiva.

Google+
© Riproduzione Riservata