• Google+
  • Commenta
20 maggio 2012

ll Digital Diary fa ricevere un premio alla Basilicata

Sette artisti, sette giorni di visita, sette video e un premio di rilevanza nazionale. È la Basilicata, la Basilicata che fa comunicazione innovativa attraverso il Digital Diary.

Il cambiamento e la scoperta di nuovi media collegati al turismo sono stati connubio inscindibile nell’ambito del progetto voluto dall’APT della Basilicata, il quale ha pensato alla costruzione di un Digital Diary per diffondere e promuovere questo piccolo gioiello meridionale.

L’avvicinarsi a questi nuovi strumenti di comunicazione informatici, non è stato altro che un proposito e pretesto per creare una cassa di risonanza per futuri turisti attirando principalmente i più giovani.

Il Digital Diary è un prodotto multimediale che racchiude in se le capacità tecniche visive e comunicative che una “promozione” deve avere come caratteristiche intrinseche.

Ed è proprio questo fantastico progetto realizzato da sette giovani  videoartists e blogger di tutto il mondo che, selezionati attraverso un bando pubblico, hanno prodotto altrettanti video dopo sette giorni di visita al territorio.

L’utilizzo di queste formule di promozione turistica online  mettono insieme creatività e avventura, rappresentano un nuovo obiettivo delle politiche di promozione della Basilicata su cui la Regione vorrà sicuramente investire, dopo il successo riscontrato. Per questo la Basilicata il 17 Maggio scorso, ha ricevuto a Roma, un premio in merito al settore “servizi turistici” del concorso “La PA che si vede”, a ritirarlo è stato Giampiero Perri, direttore generale dell’APT Basilicata.

Il turismo conosce in questo senso un nuovo attore che è il web marketing, capace in questo caso di trarre tutte le peculiarità e farne diventare il punto di forza. Il prodotto multimediale del diary, concepito da Mikaela Bandini di Cantforget.Italy, che si eleva a prodotto filmico in base alle caratteristiche tecniche utilizzate, ha cominciato a creare anche una chiara visibilità attraverso la facile divulgazione sui social media.

Google+
© Riproduzione Riservata