• Google+
  • Commenta
11 Maggio 2012

Profumo: 4 milioni di euro per i giovani di Scampia

Questa è la cifra stanziata per finanziare quattro progetti che cercheranno di aiutare i giovani studenti delle aree più disagiate di Napoli e non solo, attraverso la promozione dello sport e della legalità; tale iniziativa è stata sottoscritta attraverso un accordo firmato presso la Scuola “Carlo levi” di Scampia, dal Ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo e dal Ministro degli affari regionali, turismo e sport, Piero Gnudi.

Primo dei quattro progetti: “ Alfabetizzazione motoria” per il quale il Ministro dello sport stanzierà 2 milioni di euro, verrà utilizzato nelle scuole primarie e periferiche che contano anche numerosi studenti stranieri; il progetto era stato avviato dal Miur e dal Coni già nel 2009 ma con questi nuovi finanziamenti andrà a supportare 100 mila studenti in più.

Il secondo progetto invece, per il quale è stato stanziato 1 milione di euro, ha come obbiettivo l’organizzazione delle finali nazionali dei giochi sportivi studenteschi e in tale contesto è inserito anche il tema della legalità, infatti Gnudi ha detto: ‹‹ Nelle aree più disagiate è necessaria la presenza costante dello Stato ››.

Dunque “Sport e legalità” è il terzo progetto a cui andranno 500 mila euro e che andrà a valorizzare appunto, la legalità, i valori di lealtà e regole nelle pratiche sportive fra i giovani studenti di 5 scuole italiane: Palermo, Reggio Calabria, Roma, Napoli e Milano. Questo denaro sarà utile per la modernizzazione degli impianti sportivi e del materiale didattico.

Infine, quarto ed ultimo progetto, finanziato anch’esso per 500 mila euro, andrà a sostenere i carceri minorili, in particolar modo potranno realizzare degli incontri con gli atleti che parteciperanno alle Olimpiadi 2012 di Londra.

Fondamentale naturalmente, sarà non far rimanere tali progetti su carta ma cercare di mettere in pratica quanto detto per donare un futuro migliore ai giovani di queste zone maggiormente emarginate rispetto ad altre.

Google+
© Riproduzione Riservata