• Google+
  • Commenta
14 Maggio 2012

Progetto “POLO ARCHIVISTICO FERMANO”

 

Nella mattinata di venerdì 11 maggio, è stato firmato il Protocollo d’Intesa tra la Provincia di Fermo, l’E.U.F. (Ente Universitario del Fermano), la Soprintendenza Archivistica per le Marche ed il Dipartimento di Beni Culturali “Giovanni Urbani” dell’Università degli Studi di Macerata, per la realizzazione del progetto Polo Archivistico Fermano”.

La rete tra i soggetti conservatori di archivi storici, con particolare riguardo ai Comuni, all’interno del territorio fermano, costituirà un network interistituzionale con l’obiettivo di coordinare le attività di tutela e valorizzazione del patrimonio documentario.

Per questo progetto della durata sperimentale di un anno, la Provincia ha stanziato una parte dei fondi della L.R. 4/10 utilizzata per progetti provinciali.
Come Amministrazione provinciale – ha spiegato l’Assessore Giuseppe Buondonno – abbiamo voluto utilizzare questi finanziamenti per costruire quelli che possono essere considerati i cardini del Distretto dei Beni Culturali del Fermano. L’obiettivo che si vuole raggiungere è quello di creare una rete tra archivi storici comunali che, un po’ sul modello delle biblioteche, sia messa on-line e possa essere facilmente accessibile alle scuole e agli studiosi”.

Progetto dalla forte valenza scientifica: gli archivi, infatti, non sono, come potrebbe il collettivo immaginario potrebbe pensare, una sorta di cimitero di vecchi documenti di cui non si capisce l’utilità. Essi costituiscono la base del nostro patrimonio culturale fornendoci identità e memoria comunitaria. Fonti essenziali per la ricerca storica e la didattica nelle scuole di ogni ordine e grado.

È un’occasione importante, se non unica – ha dichiarato Federico Valacchi, Professore Associato di Archivistica presso la Facoltà di Beni Culturali dell’Università degli Studi di Fermo – per un decisivo passo avanti nel processo di valorizzazione del ricco ed articolato patrimonio documentario di Fermo e del Fermano. In particolare, crea i presupposti per una proficua collaborazione tecnica, scientifica e culturale tra le Istituzioni che lo hanno sottoscritto e tra quelle che, in futuro, vorranno aderire al Polo Archivistico del Fermano, la cui costituzione è l’obiettivo principale del Protocollo d’Intesa. Il Polo sarà la struttura di coordinamento degli interventi di descrizione e inventariazione degli archivi storici, garantendo al contempo la necessaria visibilità ai risultati di tali interventi attraverso la costituzione di un portale dedicato, che opererà in sintonia con il Sistema Archivistico Nazionale”.

Google+
© Riproduzione Riservata