• Google+
  • Commenta
11 Maggio 2012

Riforma pensioni: “Consapevoli ma è dura”

Roma- Ieri mattina il Ministro del Lavoro, Elsa Fornero, è intervenuto telefonicamente alla Giornata nazionale della previdenza, tornando a parlare della riforma sulle pensioni: “La riforma delle pensioni è stata molto discussa nei suoi meriti e nei suoi problemi. Sono probelmi dei quali il governo è certamente consapevole. E’ una riforma dura e severa, ma io ricordo le circostanze in cui è stata approvata. Era una circostanza molto grave con una prospettiva di baratro finanziario, non dobbiamo dimenticarlo. Ci sono problemi aperti come la riforma delle casse previdenziali dei liberi professionisti. Qualcosa c’era nella riforma della previdenza, qualcosa magari arriverà. Abbiamo chiesto alle casse di fare delle verifiche sulla loro sostenibilità.

Il ministro tocca anche il tema del lavoro e della flessibilità che sta cercando di dare il governo Monti, eliminando il c.d. Posto fisso: “E’ nel tentativo di mettere ordine a forme di lavoro diverse e di superare le incertezze e le barriere soprattutto per i giovani che questo governo ha presentato una riforma del lavoro in questi giorni all’esame del parlamento e che mi auguro venga approvata in tempi breve. La riduzione della flessibilità serve a creare una relazione un po’ più stabile tra lavoratori e impresa. Ed è sul miglioramento di questo rapporto che si può scommettere sulla ripresa della produttività del paese. Ricordando che il nostro paese non cresce da più di 10 anni per problemi strutturali aggravati dalla crisi economica.

Brevi ma intense le risposte delle parti sociali. Marcegaglia: “La copertura è per 65mila persone, l’Inps parla di 130mila. Nei prossimi anni sarà necessario coprire anche gli altri.Di Pietro: “E’ grave che il ministro Fornero continui a giocare sulla pelle dei lavoratori. Bisogna essere dei perfetti irresponsabili, infatti, per affrontare una tragedia sociale, come quella degli esodati, con il criterio della discriminazione e della decimazione. E’ inammissibile che il governo metta i disperati gli uni contro gli altri, salvandone solo qualcuno e cavandosela con uno sbrigativo si vedrà per tutti gli altri.Camusso: “Ci sono tanti modi dove trovare le risorse, come ad esempio da un accordo con la Svizzera, da una parte dell’evasione fiscale o da una vera e seria patrimoniale.

Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Economia/Fornero-Riforma-della-pensioni-e-dura-siamo-consapevoli-dei-problemi_313289035139.html

 

Google+
© Riproduzione Riservata