• Google+
  • Commenta
27 Maggio 2012

Usa: cercansi esperti di sicurezza cibernetica

Ad oggi, purtroppo, le guerre continuano a mietere vittime e a provocare distruzioni materiali enormi: eserciti, armi ed azioni militari restano gli strumenti principali di intervento nelle guerre tradizionali. Eppure, da qualche tempo, le agenzie di sicurezza di tutti i paesi hanno cominciato a preoccuparsi di un nuovo tipo di conflitto, le cosiddette guerre virtuali.

L’esposizione virtuale di banche, istituzioni governative e sistemi di difesa, infatti, ha reso più debole e vulnerabile non solo la sicurezza dei privati ma anche quella di intere nazioni: gli attacchi organizzati da hacker sempre più esperti sono un piccolo esempio di quanto sia facile accedere ad informazioni sensibili e disarmare i propri avversari senza colpo ferire.

Proprio per garantire la sicurezza degli Usa e prevenire qualsiasi attacco cibernetico, l’Agenzia di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti (NSA) ha avviato da alcuni mesi un programma di alta formazione aperto agli studenti delle università americane. Il corso è destinato a formare gli studenti interessati a lavorare presso l’US Cyber Command, il nuovissimo centro di intelligence Usa che raccoglierà informazioni strategiche e proteggerà le reti governative dalle minacce cibernetiche.

Per ora, il corso è disponibile solo presso quatto università americane, che hanno garantito sicurezza e qualità accademica: l‘Università Statale del Dakota, la Naval Postgraduate School, la Northeastern University e l‘Università di Tulsa. Secondo quanto dichiarato da Neal Ziring, direttore tecnico della NSA, l’agenzia è ora alla ricerca di giovani esperti di ingegneria informatica e cibernetica: per poter accedere al corso, gli studenti interessati dovranno superare delle prove tecniche e dimostrare affidabilità e discrezione.

Alcuni docenti universitari hanno sollevato dei dubbi sulla moralità di un insegnamento accademico destinato a creare nuove generazioni di hackers: la NSA, tuttavia, ha tenuto a precisare che studenti apprenderanno solo le nozioni fondamentali di cibernetica necessarie per poter lavorare presso l’Agenzia di Sicurezza Nazionale. “Non chiediamo alle università di insegnare agli studenti come penetrare nei computer altrui – ha affermato Steven LaFountain, alto funzionario della NSA – vogliamo solo fornire loro un livello di istruzione elementare in un settore di estrema importanza per la sicurezza del Paese”.

Google+
© Riproduzione Riservata