• Google+
  • Commenta
22 giugno 2012

Capitale umano inadatto: i giovani studenti laureati per i manager

Capitale umano inadatto
Capitale umano inadatto

Capitale umano inadatto

Salvatore Rossi, vicedirettore della Banca D’Italia, ha sottolineato l’inadeguatezza, a detta sua, degli studenti appena laureati che non sarebbero in grado di confrontarsi con un’economia moderna e avanzata come quella attuale: sarebbero quindi capitale umano inadatto.

Noi giovani oggi non abbiamo le idee molto chiare su quello che faremo, anche perchè il contorno non è dei migliori e non per voler ribadire che c’è una crisi che ci sta uccidendo, quanto per gridare che non sono le vere capacità a far andare avanti… le conoscenze vanno per la maggiore.

Poi arrivano persone come il vicepresidente della Banca D’Italia, che a quanto pare non si desta proprio, e ci racconta la barzelletta che i nuovi laureati o comunque coloro che dovrebbero scrivere le pagine di storia a partire da oggi, sono capitale umano inadatto.

E cosa vuol dire di preciso essere capitale umano inadatto?!

Ecco la sua spiegazione: – “I livelli stipendiali, anche nei contratti ad personam – ha detto Rossi a un simposio internazionale di professori universitari in Campidoglio – non distinguono quasi mai fra un neolaureato di un’università italiana di basso livello e un Phd di Harvard. Se si pensa alle ‘graduate schools’ americane, inglesi e tedesche o alle ‘grandes ecoles’ francesi, sembra quasi che l’Italia abbia rinunciato a formare in casa propria la sua elite professionale, lasciando che a svolgere questo compito siano istituzioni universitarie di altri paesi”.

Ma scusate, se l’Italia non forma la sua elite professionali come fanno gli altri vuol dire che c’è un problema alla base, vuol dire che si investe di più per macchine blu e saune ai “dipendenti del governo” che per seminare per il futuro.

Sembrerà retorico ma la conclusione è sempre la medesima, c’è una classe dirigente che non sa prendere delle decisioni appropriate per garantire un futuro per l’Italia “di Prandelli“.

Magari è giusto dire che il vero capitale umano inadatto è composto da tutti questi signori che entrando in politica si sono arricchiti senza saper leggere e scrivere e per alcuni di loro è letteralmente vero.

Google+
© Riproduzione Riservata