• Google+
  • Commenta
14 giugno 2012

Con cuore e volontà: gli studenti prendono lezioni di vita

 

Somma Lombardo– Sono davvero numerosi, 45 per la precisione, gli studenti di dei licei di Viale dei Tigli impegnati nel Concorso Internazionale di Dressage Paralimpico CPEDI*** Città di Somma Lombardo, che si svolgerà presso gli impianti del Riding Club, Via Valle a Somma Lombardo (VA) dal 14 al 17 giugno prossimi.
Hanno iniziato a collaborare tre anni or sono e da allora vengono soprannomiati i “ragazzi blu” per la maglietta ed il cappellino che li contraddistingue.Le mansioni che svolgono sono varie ed implicano un alto livello di competenze ed abilità: dall‘aiuto giuria, mansione per la quale è richiesta una buona conoscenza della lingua inglese e di una serie di termini specifici inerenti al linguaggio tecnico; all’assistenza campo di gara, nella quale bisogna porre attenzione nell’aprire e chiudere l’accesso al campo nel più rigoroso silenzio; all’accoglienza visitatori ed atleti,cosa per la quale è necessaria una buona predisposizone a relazionarsi con gli altri ed un fluente uso di qualche lingua straniera, dal momento che gli atleti e i loro familiari arrivano da vari paesi d’Europa e quest’anno anche dal Messico; alla funzione “caller”, che consiste nel ripete ad alta voce, con diversa modulazione di tono, una lettera affidata a ciascuno posizionato in un preciso punto del campo, per permettere ai non vedenti o agli ipovedenti di svolgere la gara orientandosi a  ritmo di voce.
Gli studenti non  vanno più a scuola ed il tempo libero trascorso all’aria aperta in mezzo alla brughiera e sotto il fresco del bosco potrebbe in parte spiegare la loro immancabile presenza, ma ciò che di certo più li motiva è il tam-tam dei compagni o compagne di classe che negli anni precedenti hanno loro comunicato con entusiasmo ciò che si sono portati a casa:”una lezione di vita, che mi ha aiutato a superare la delusione cocente di una bocciatura negli anni scorsi” afferma una ragazza che ha partecipato alla precedente edizione.
Di certo la volontà con la quale l’austriaco Pepo,attuale campione del mondo svolge quelle stesse gare che un tempo affrontava come normodotato e che oggi continua a svolgere e a vincere in ben altre condizioni per l’incidente che cadendo da cavallo lo ha gravemente danneggiato, oppure la determinazione con la quale Ada, cavalerizza di Roma, inseparabile dal suo cane guida, attraversa il campo in sella al suo cavallo,sono un vero schiaffo in faccia a chi si lascia scoraggiare di fronte a qualche difficoltà, piccola o grande che sia.
Ma è anche un altro il motivo di questa adesione numerosa, il cuore della manifestazione è infatti la gratuità e la generosità di Danilo Maestrello, l’ideatore della manifestazione, che l’ha appositamente inventata 8 anni or sono per permettere a Giorgia, giovane cavallerizza con problemi di deambulazione, di avere anche lei una gara cui partecipare. Danilo, con il suo grande cuore, ha coinvolto in un circuito virtuoso di gratuità molti altri volontari,come la Dott.ssa Cristina Sacchi, veterianrio, che mettodo a disposizione la loro competenza tecnica e professionalità gratuitamente, per rendere completamente gratuita l’iscrizione al concorso. Oggi la gara è arrivata alla sua VI edizione ed è diventata internazionale.Buon lavoro a tutti, con cuore e volontà!

Google+
© Riproduzione Riservata