• Google+
  • Commenta
23 giugno 2012

Sapienza e Villaggio Olimpico

Esiste a Roma, intorno allo Stadio Olimpico di Roma fino all’Auditorium, allo Stadio Flaminio e al Palazzetto dello Sport,  una piccola città, se mi passate il termine. E’ il Villaggio Olimpico, formato da palazzi, case, negozio di abbigliamento, di sport, bar, discoteche, punti di incontro per giovani e tanti tanti eventi sportivi. Ogni anno viene rimodernato, sebbene il progetto originario risale addirittura al lontano 1958/59, con infrastrutture non fisse e adibite ai diversi tipi di eventi organizzati. Di ottima fattura il complesso di negozi “temporanei” montati ogni estate intorno allo Stadio Olimpico in onore degli Internazionali di Tennis.

Un luogo bello e curato che offre moltissime possibilità di lavoro, seppur momentanee, e una buona riqualificazione e utilizzo dell’area. E’ proprio per questo che quest’anno la 6° edizione del workshop internazionale di progettazione architettonica organizzato dalla collaborazione tra l’Università Sapienza di Roma e della Myongji University, della Corea del sud, è incentrato proprio sul Villaggio Olimpico.

L’appuntamento a Roma è dal 25 giugno al 6 luglio presso la facoltà di Architettura della Sapienza (Piazzale Aldo Moro, 5), mentre la seconda parte dell’edizione continuerà l’anno prossimo, a gennaio 2013, a Seoul. Lo scopo del progetto è quello di valutare appunto lo stato attuale del Villaggio Olimpico, il suo attuale utilizzo e eventualmente la possibilità di implementarne le funzionalità, i servizi, le infrastrutture e le tecnologie, dato che si parla pur sempre di una vastissima area forse non ancora sfruttata a pieno.

Una collaborazione con i paesi del Sol Levante, maestri della tecnologia, che si prefissa di portare in Italia, in questo caso a Roma, nuove tecniche e idee per l’architettura, senza deturpare l’ambiente circostante o le zone verdi di cui Roma e il quartiere olimpico sono ricche, e nuovi spunti e motivazione ai laureandi in Architettura. Utilità e rispetto dell’ambiente prima di tutto.
P
er maggiori informazioni: Federico De Matteis – dipartimento Architettura e progetto
T (+39) 06 4991 9216

Google+
© Riproduzione Riservata