• Google+
  • Commenta
9 giugno 2012

Smartphone e tablet, al tatto mostreranno presto le curve

Tra tanta crisi in giro per il mondo, capace di mettere in ginocchio piccole, medie e grandi industrie dei più svariati settori, il mondo hi-tech continua ad essere oggi un settore vivo grazie a nuove idee e nuove applicazioni che alimentano l’economia del mercato tecnologico e l’ansia di acquisto dei “super patiti della nuova applicazione” da sfoggiare al bar con gli amici.
Ecco allora che scoperte che di fatto hanno cambiato non solo il mondo hi-tech ma anche quello della vita di tutti i giorni, come i sistemi “touch”, continuano ad offrire “evoluzioni” che avrebbero fatto strabuzzare gli occhi anche ad un evoluzionista come Darwin.
A mettere la freccia e a superare i grandi colossi del settore, Apple e Microsoft, è stata una piccola società californiana, la Tactus Technology, che dopo la quadratura del cerchio è riuscita a raggiungere un nuovo incredibile processo: la curvatura del rettangolo (iphone, tablet e qualsiasi altro dispositivo touch).
La tecnologia messa a punto permetterà infatti di “aggiungere” alla tastiera touch, anche dei tasti fisici dinamici a comparsa (cioè solo quando lo riterremo opportuno attraverso un tocco tattile) che, grazie ad un sistema di microfluidica integrata, modificheranno la “sensibilità” della tastiera in una interfaccia “senza limiti di forma” e tutto in qualche frazione di secondo. Insomma i tasti potrebbero “gonfiarsi” al tatto e i dispositivi elettronici scoprirebbero curve inaspettate e appetibili per ogni amante del bello e tecnologico.
Questa applicazione si otterrà attraverso un layer, una pellicola sottilissima che andrà applicata in fase di produzione dalle aziende, sui “comuni” touch di smartphone e tablet.  Il device touch più layer, dovrebbe arrivare in commercio e nelle vetrine del nostro rivenditore di fiducia,  tra circa due anni, nel 2014.
I fan technology dovranno quindi pazientare (e risparmiare) un po’, sperando in zero intoppi nel proseguimento della ricerca della società californiana e potendo al momento solo sognare nuove curve sul proprio telefonino o tablet da mostrare con vanto all’amico curioso.

Google+
© Riproduzione Riservata