• Google+
  • Commenta
27 luglio 2012

Dopo la laurea? Apro un negozio di coccole!

E’ l’idea bizzarra e allo stesso tempo affascinante di Jackie Samuel, la neolaureata americana la cui scelta post universitaria sta suscitando curiosità in tutto il mondo.

Una “coccoleria”, un negozio di coccole a pagamento. Coccole pure , che non sfociano nel sesso o in contatti nudi ma semplici carezze umane! Il negozio è sito in una cittadina dello stato di New York e  pare anche che gli affari vadano a gonfie vele! Per un ora di coccole, Jakie chiede 60 dollari!

L’idea funziona ma ciò che incuriosisce è capire cosa possa portare una giovane laureata ed agente immobiliare, a scegliere di avventurarsi in un’attività simile! In realtà lei spiega si sia trattato di un modo come un altro per arrotondare lo stipendio. Jackie sottolinea poi che le è sempre piaciuto fare coccole e non ne fa ora solo una questione di denaro, sostiene infatti che: … c’è moltissima gente che non ha nessuno nella vita che gli dia un tocco rassicurante, gli abbracci fanno bene… .

Insomma, business e altruismo sono racchiusi nelle idee di questa ragazza che proprio in merito a quest’ultimo aspetto annuncia tra i suoi intenti quello di allargare la ditta non solo assumendo dipendenti e quindi donando possibilità di lavoro ma anche riuscendo a regalare coccolare gratis a poveri e senzatetto!

Per il momento Jackie concede affetto solo mediante retribuzioni sfoggiando più di 100 diverse posizioni nel particolare letto che occupa il centro del locale, dove tiene stretti e accoccolati i suoi clienti!

Se l’avventura imprenditoriale della neolaureata a stelle e strisce continuerà o sfumerà nel giro di pochi mesi è del tutto da vedere. Ma è da capire come si faccia a pagare per dei gesti affettuosi falsi! Le coccole che guariscono, e rassicurano, sono quelle vere e spontanee.

fonte foto: http://www.xn--universit-y1a.it

Google+
© Riproduzione Riservata