• Google+
  • Commenta
12 luglio 2012

Il professor Broggi premiato dal Royal Institute of Navigation di Londra

Lo scorso mercoledì 11 luglio infatti, presso la Royal Geographical Society di Londra, durante l’incontro annuale del Royal Institute of Navigation, il prof. Alberto Broggi, del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università di Parma, è stato premiato per il lavoro di ricerca svolto dal gruppo del Laboratorio VisLab, da lui diretto.

Tutti gli anni il Royal Institute of Navigation, diretto da Peter Chapman-Andrews, seleziona una persona distintasi a livello internazionale nel campo della navigazione. In particolare le motivazioni del premio di quest’anno citano i numerosi successi che sono stati raggiunti dal prof. Broggi e dal suo gruppo di ricerca VisLab negli ultimi anni contribuendo a tracciare la storia della robotica veicolare: «in segno di riconoscimento per gli importanti risultati nello sviluppo di sistemi di percezione, che uniscono l’elaborazione e l’interpretazione delle immagini l’intelligenza artificiale, e la navigazione e la guida».

Tra i tanti progetti portati a termine dal gruppo del VisLab citiamo il test di veicoli a guida automatica VIAC: quattro veicoli elettrici equipaggiati per la navigazione senza guidatore avevano percorso nel 2010 oltre 13.000 km da Parma a Shanghai affrontando situazioni di guida reali e talvolta estreme. Notato anche dal colosso informatico Google, presso la sede del quale il direttore del VisLab era stato invitato a presentare le tecniche e le tecnologie sviluppate per il raggiungimento di un obiettivo così ambizioso, il test rimane ad oggi il più esteso a navigazione autonoma mai effettuato.
Il Laboratorio VisLab dell’Ateneo si occupa da più di 15 anni dell’applicazione della visione artificiale a qualunque tipo di veicolo, perseguendo diversi obiettivi che spaziano dall’incremento della sicurezza stradale ad una gestione ottimale dei consumi di carburante, nel caso di veicoli stradali, dall’aumento delle condizioni di sicurezza all’incremento dell’efficienza, nel caso di veicoli da lavoro.

Google+
© Riproduzione Riservata