• Google+
  • Commenta
4 luglio 2012

Sfuriata di Aurelio De Laurentiis contro i giornalisti

Il vulcanico produttore cinematografico e presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è esploso questa mattina al suo ingresso nell’assemblea della Lega Calcio quando, chiedendo ai giornalisti se non ci fossero domande a cui rispondere, gli è stato chiesto il futuro di Edinson Cavani nel Napoli. Preso da un atto di nervosismo nei confronti dei giornalisti presenti, ha detto loro con voce forte di essere “dei cafoni, perché interessati solo ai soldi“.

Immediata la risposta dei cronisti i quali hanno invitato il produttore a non usare certe definizioni sulla loro professione, facendo adirare ancor di più l’Aurelio furioso: “Mi permetto, mi permetto e se è il caso vi metto anche le mani addosso se continua così. Non si può parlare nella vita solo di soldi“.

Il Presidente del Napoli, non nuovo a certi tipi di dichiarazioni forti, ha dato del suo meglio in una giornata di caldo afoso, non sbilanciandosi su Cavani ma ribadendo quella curiosità dei giornalisti che lo ha fatto adirare. E prima di svincolarsi dai suoi nemici, ha concluso l’epocale sfuriata facendo un paragone tra il calcio e il cinema: “Noi, nel cinema, siamo dei gran signori perché non sentirete mai parlare di quanto guadagnano Brad Pitt o Angelina Jolie.

Non si dirà mai quanto sarà il loro contratto mentre a voi interessa soltanto sapere quanto guadagna un calciatore. Tutto questo – ha concluso nervoso prima di abbandonare i giornalisti – non fa che alzare i costi“.

Google+
© Riproduzione Riservata