• Google+
  • Commenta
28 agosto 2012

Batman non morirà mai

Finalmente ci siamo, anche in Italia esce The Dark Knight Rises, ultimo capitolo della saga dedicata all’uomo pipistrello più famoso dei fumetti, diretta dal “maestro” Christopher Nolan.

Si chiude, dunque, un progetto che vede, insieme al grande regista, davanti e dietro la macchina da presa un gruppo capace ed affiatato di professionisti.

A cominciare dai numerosi premi oscar presenti nel cast Christian Bale, Michael Caine e Morgan Freeman, ma anche Tom Hardy, Joseph Gordon Levitt, Marion Cotillard e Anne Hathaway, senza dimenticare la fotografia diretta da Willy Pfister e le musiche di Hans Zimmer.

Ma il motivo di tanta attesa sta anche nel fatto che in questi ultimi mesi si era fatta sempre più insistente la voce che Batman, alla fine del film, sarebbe morto.

Persino il celebre comico e conduttore televisivo David Letterman, in studio con l’attrice Anne Hathaway (catwoman), si era lasciato sfuggire una frase quanto mai sibillina al riguardo.

Ingredienti sufficienti, questi, a garantire l’attesa febbrile da parte dei fan di tutto il mondo che finora, negli incassi, hanno dimostrato di apprezzare molto la pellicola, malgrado gli atroci fatti di Denver.

Chiunque volesse già oggi vedere il film deve prepararsi a qualcosa di sorprendente.

Per prima cosa la durata: due ore e mezzo.

In secondo luogo le tematiche affrontate.

Nei due precedenti capitoli Bruce Wayne si interrogava lungamente e duramente su chi fosse in realtà e in che modo il suo ruolo di “giustiziere”, superata la fase iniziale della vendetta, potesse convivere con le istituzioni sociali.

Questi difficili equilibri tra tenebra e luce, bene e male, sui quali Batman fonda la sua ragione d’essere, scricchiolano sempre più tanto che ora, in un clima di apparente quiete, ingoiato dal suo stesso lato oscuro, si scopre vittima di depressione, che lo rende incapace di agire, organizzarsi e combattere.

Rintanato tra le grandi mura della sua villa, ricorda tanto Charles Foster Kane, anche per le leggende che aleggiano sul suo conto.

Nel frattempo Bane, un mercenario mascherato poderoso ed incapace di sentire il dolore, nato nell’Inferno della Lega delle Ombre, dove lo stesso Wayne si era perfezionato anni prima, mette in atto un piano criminoso per tenere sotto scacco un’intera metropoli: la goticissima Gotham City che ricorda tanto New York City.

Nello scontro con Bane, l’uomo pipistrello risulterà letteralmente annientato e spossessato di tutto ciò che lo aveva reso unico: la maschera, il denaro di Wayne, le armi hi-tech di Batman e gettato in una prigione oscura.

L’oscurità, metafora dell’inconscio, delle paure e delle incertezze diventa, dunque, il vero nemico da sconfiggere. La profonda prigione senza sbarre da cui nessuno può evadere e che a buon titolo Bane chiama l’Inferno sulla Terra ne è l’esemplificazione.

Gotham City, chiusi i contatti con il resto del mondo, senza ordine e senza una guida, piomba nuovamente (ci aveva già provato il Joker nel precedente film) nell’anarchia, un’anarchia “truccata” visto che a tenere saldamente le fila di tutto è lo stesso Bane.

La tematica sociale sviscerata ed analizzata ancora torna con prepotenza e Nolan sembra voglia metterci in guardia contro quei miti facili quanto falsi che nel promettere l’irrealizzabile (una società senza regole) perpetuano solamente i loro interessi personali.

Un film ricco, complesso, mai banale. Va dato a Nolan il merito di aver dato nuova linfa vitale ad una saga cinematografica resa celebre da Burton ed affossata da Schumacher.

Certo non devono spaventarsi gli amanti di inseguimenti, combattimenti e scene mozzafiato perché non resteranno comunque delusi.

Resta un po’ di rammarico per la durata e per l’eccessiva facilità con cui vengono risolti alcuni nodi cruciali ma per il resto The Dark Knight Rises resta un capolavoro e se ne consiglia caldamente la visione.

fonte foto: http://images5.fanpop.com

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy