• Google+
  • Commenta
26 agosto 2012

Chirurgia estetica: nuove tecniche per la mastoplastica

Negli ultimi anni la chirurgia plastica ha dimostrato di essere in pieno sviluppo, sia per motivi puramente estetici che per problematiche legate a patologie gravi il cui unico rimedio è l’amputazione. Per tale motivo la medicina affina sempre più le tecniche utilizzate dai chirurghi, in modo da poter garantire maggiore sicurezza ai pazienti.

Protagonista di queste novità, in particolar modo, è la mastoplastica additiva, il diffusissimo intervento chirurgico che consente di aumentare il volume del seno: richiesto da moltissime donne ogni anno, il ritocchino ha recentemente spaventato gran parte delle pazienti a seguito dello scandalo riguardante le famose protesi Pip, rivelatesi tossiche e quindi in grado di provocare gravi malattie, tra cui il cancro.

L’allarme ha messo subito in allerta i medici, che hanno così deciso di ideare nuove tecniche chirurgiche più sicure ma ugualmente efficaci. Le novità più interessanti sono state recentemente esposte al Congresso Internazionale sulla Chirurgia Estetica della Mammella tenutosi a Salò e organizzato da Villa Bella Clinic in collaborazione con l’Aicpe (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica).

Durante il convegno, 150 medici hanno analizzato dettagliatamente le tecniche di mastoplastica finora applicate, evidenziando che, oltre alle protesi mammarie solitamente utilizzate, esiste anche una scelta differente, che implica un trapianto di grasso prelevato da altre zone del corpo. Secondo gli esperti, questa tecnica sarebbe persino migliore delle protesi: l’operazione, infatti, prevede dapprima l’utilizzo di un apposito reggiseno a pressione negativa, detto Brava, capace di aumentare il volume delle mammelle e la loro vascolarizzazione, che permetterebbe così una migliore “presa” del grasso iniettato all’interno del seno.

I risultati di questa tecnica sono stati incoraggianti, sia nel caso di interventi estetici che nel caso di interventi a scopo ricostruttivo: i medici presenti al congresso hanno infatti confermato che grazie al trapianto di grasso è possibile addirittura ricostruire una mammella amputata a causa di un tumore, oppure correggere difetti ed irregolarità dovute all’installazione superficiale di protesi mammarie.

Ovviamente gli esperti specificano che questo tipo di operazione deve essere effettuato da chirurghi dotati di una certa esperienza, al fine di evitare sgradevoli incidenti. Inoltre i medici intervenuti al convegno ammettono di non avere ancora del tutto le idee chiare sul ruolo svolto dalle cellule staminali ricavate dal grasso, soprattutto per quanto riguarda l’attecchimento del grasso e lo sviluppo di tumori al seno. In ogni caso un unico trapianto sembra essere troppo riduttivo per la ricostruzione della mammella: secondo i medici, in alcune circostanze, ne sono necessari almeno 4 o 5.

E in alternativa al trapianto di grasso? Naturalmente le protesi, che in tutti i casi non sono ancora completamente fuori dai giochi, ma si rinnovano per un futuro non troppo lontano. Per i prossimi anni, infatti, i chirurghi pensano a delle protesi di silicone da inserire all’interno del seno ancora vuote, per poi essere riempite successivamente, un po’ come si fa già da tempo con le protesi ad acqua. Questa interessante tecnica avrebbe dei vantaggi soprattutto dal punto di vista estetico, grazie ad incisioni molto più piccole e alla forma più naturale del seno.

fonte immagine: www.mastoplasticaadditiva.co

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy