• Google+
  • Commenta
30 agosto 2012

Creato il primo dispositivo che misura la massa di una molecola

Un team guidato da scienziati del California Institute of Technology (Caltech) ha realizzato per la prima volta un dispositivo meccanico in grado di misurare la massa di una singola molecola.

Questa nuova tecnologia, affermano i ricercatori, potrebbe eventualmente aiutare i medici nella diagnosi delle malattie, essere un valido sostegno per i biologi impegnati nello studio dei virus e delle cellule, e potrebbe anche permettere una misura più accurata delle nanoparticelle e dei livelli di inquinamento atmosferico.

Il team comprende ricercatori del Kavli Nanoscience Institute presso il Caltech, del Commissariat à l’Energie Atomique et aux Energies Alternatives e del Laboratoire d’Electronique des tecnologie de l’information (CEA-LETI) di Grenoble, in Francia. Una descrizione di questa tecnologia, che include nanodispositivi prodotti nelle strutture del CEA-LETI, appare nella versione online della prestigiosa rivista Nature Nanotechnology, pubblicata il ventisei agosto scorso.

Il dispositivo, della dimensione di un paio di milionesimi di metro, è costituito da una piccola struttura a ponte vibrante. Quando una particella o molecola atterra sul ponte, la sua massa cambia la frequenza di oscillazione in modo tale da rivelare il peso della stessa.

Siamo in grado di misurare la massa di ogni particella che entra nel dispositivo” afferma Michael Roukes su phys.org, professore di Fisica Applicata e Bioingegneria del Caltech e responsabile del progetto, aggiungendo: “finora nessuno c’era mai riuscito“.

Immagine tratta da http://phys.org/

Google+
© Riproduzione Riservata