• Google+
  • Commenta
31 agosto 2012

Gli zaini e gli astucci fanno male alla salute umana?

Non c’è pace. Stavolta è proprio il caso di dirlo. Anche sui banchi di scuola bisogna stare attenti a cosa utilizzare. Uno studio americano del Center for Health, Environment and Justice (CHEJ), infatti, ha scoperto che al “corredo scolastico” di ogni studente bisogna prestare molta attenzione.

Circa il 75% di zaini, astucci e altri oggetti normalmente utilizzati dagli scolari contiene, incredibile ma vero, livelli troppo elevati dei cosiddetti “ftalati”, ossia determinate sostanze chimiche che si pensa sia dannose per la salute dei bambini.

Il dato sconcertante è che queste sostanze sono state già proibite per la produzione dei giocattoli: un motivo ci sarà. E il motivo è semplice: si tratterebbe, appunto, di sostanze pericolose per la salute umana, e che quindi andrebbero bandite anche dal “corredo scolastico” di ogni alunno.

Tecnicamente, dizionario alla mano, gli ftalati sono “sostanze chimiche organiche prodotte dal petrolio e sono i plastificanti più comuni al mondo. Sono una famiglia di sostanze chimiche usate da oltre 50 anni, principalmente per rendere morbido e flessibile il cloruro di polivinile (PVC). Benché i vari tipi utilizzati oggi abbiano delle similitudini strutturali, ognuno ha prestazioni diverse. Gli ftalati hanno l’aspetto di un olio vegetale chiaro e hanno poco o nessun odore”. La loro connessione con la dannosità per la salute dell’uomo è ancora oggetto di molti studi a livello nazionale e mondiale.

Che dire? Speriamo che questi studi terminino il più velocemente possibile, perché qui non si scherza: qui c’è in ballo la salute di milioni di studenti nel mondo.

 

Immagine tratta da: www.subito.it

Google+
© Riproduzione Riservata