• Google+
  • Commenta
5 agosto 2012

Profumo torna sul tema Università

Il ministro Profumo torna ancora una volta sul tanto dibattuto tema universitario. Questa volta lo fa, prendendo spunto dalle parole del del Presidente della Provincia di Trento, Lorenzo Dellai che, pochi giorni prima si era espresso riguardo alla necessarietà di una forte coesione tra i vari saperi.

Ecco le parole del Ministro dell’ istruzione e dell’università appare su Asca.it: ”Noi riteniamo e condividiamo con il presidente della provincia di Trento, Lorenzo Dellai, che oggi nella formazione dei giovani e’ necessario avere una maggiore interazione tra i saperi. I saperi tradizionali, come sono ora inscatolati, probabilmente non sono in grado di dare una risposta a sistemi complessi che hanno bisogno di strumenti complessi per essere risolti“.

Ha continuato poi Profumo: ”Io credo molto che un ministero come quello dell’universita’ debba individuare il punto di partenza e gli obbiettivi e poi debba lasciare che i processi siano gestiti in modo autonomo dalle singole realta“.

Infine il Ministro si è voluto soffermare sull’annosa problematica delle tasse: ”Bisogna chiedere impegno e rispetto delle regole e dei tempi” e che ”in realta’ gran parte degli studenti fuori corso ha redditi molto bassi e le tasse sono in funzione del redditto della famiglia, per cui l’incremento del 25% per chi ha redditti inferiori a 90 mila euro rappresenta poco meno di un caffe’ al giorno”.

Sempre sul tema delle tasse: “non è vero che per gli studenti fuoricorso è in arrivo una stangata. Per la maggior parte di loro l’aumento delle tasse universitarie sarà proporzionale al reddito. Nel 90% dei casi si parla di un incremento pari al costo di un caffè al giorno. Ad essere colpiti saranno gli studenti immotivatamente in ritardo sul piano di studi. Chi studia e lavora potrà indicare come ripartire il tempo dedicato alle due cose e pagare un aumento minimo“.

Come sarà accolta la proposta dagli studenti? Per adesso le impressioni non sono delle migliori.

 

Fonte foto:  Il Sole 24 Ore

Google+
© Riproduzione Riservata