• Google+
  • Commenta
26 agosto 2012

Torino e i suoi 18mila iscritti

Nonostante la crisi, nonostante un futuro sempre più incerto per chi decide di intraprendere l’impervia strada del mondo universitario, nonostante corsi e lezioni a orari sempre più sballati, nonostante tasse che sono arrivate a toccare cifre esorbitanti, i giovani d’oggi non si danno per vinti e l’università di Torino festeggia uno dei traguardi che dovrebbe rendere orgoglioso il nostro paese.

Ad ancora più di un mese dall’inizio dei corsi universitari l’università di Torino, tra tutte le sue facoltà comprese quelle con test d’ingresso, ha registrato già più di 18.000 preiscrizioni all’anno accademico 2012/2013. Sembrava così assestarsi la media già registrata l’anno scorso ma in netto rialzo rispetto a moltissime altre università italiane. Le facoltà in particolare che hanno visto toccare i picchi più alti di aumento nelle iscrizioni sono state: Biotecnologie (+14 %), Medicina Veterinaria (+15%), Scienze Strategiche (+ 11%) e Scienze Motorie (+3%). Ma non può essere tutto rose e fiori dato che infatti alcune facoltà come Farmacia, Scienze della Comunicazione e Servizio Sociale hanno visto un ribasso fino al -8%.

Vi state chiedendo quale sia la facoltà con più iscritti in assoluto? Non poteva non essere quella che primeggia nella maggior parte delle regioni italiane: Economia e Commercio con 2455 seguita poi da Scienze MFN con 1400 iscritti e terza classificato (una sorpresa, direi) Psicologia con 1298 preiscrizioni. Perchè lo studio potranno cercare di ostacolarlo in tutti i modi e con tutti i mezzi, ma quando c’è la voglia di imparare e di studiare e di usare il nostro cervello… beh, gli studenti sono inarrestabili.

Fonte foto: www.difossombrone.it

Google+
© Riproduzione Riservata