• Google+
  • Commenta
1 agosto 2012

Zanichelli e RCS Education per l’Emilia

Sono passati solo tre mesi dal tragico sisma che ha fatto tremare l’Emilia,. A 13,2 miliardi di euro ammontano i danni registrati nelle aree colpite dalle scosse del 20 e 29 maggio scorsi: circa 11,5 miliardi di euro solo per il disastro che ha ferito la Regione Emilia-Romagna. Molti quotidiani, da giorni, ripetono lo stesso ritornello: i fondi per la ricostruzione non arrivano.

Se le istituzioni sono assenti, molti aiuti sono, invece, arrivati dalla solidarietà e dalla cooperazione tra città e cittadini, su vari fronti: associazioni, volontari, iniziative pubbliche e di spettacolo, l’allestimento di biblioteche in tendopoli, l’adozione di scuole e ospedali e pare che anche le case editrici scolastiche si siano mobilitate per dare una mano, a partire dal loro settore: la formazione.

Infatti, sempre nell’ambito del progetto Adotta una scuola hanno preso corpo due iniziative  che coinvolgono i gruppi editoriali Zanichelli e RCS education. La volontà comune è quella di sostituire gratuitamente i libri di testo danneggiati e persi.

Ma, attenzione, le procedure sono disinte: che il vice direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna,  Stefano Versari,  in una nota indirizzata a tutti i dirigenti scolastici delle scuole coinvolte nel sisma ha spiegato nei dettagli.

Come riportato da Bologna2000.it,  occorre tener presente che per quanto riguarda RCS  per poter gestire correttamente questa iniziativa è necessario che sia il dirigente scolastico a raccogliere e verificare le richieste riguardanti gli alunni della propria istituzione e ad inviarle con l’indicazione dei titoli e dei quantitativi necessari a coprire i bisogni. I libri verranno consegnati dal promotore editoriale di zona o spediti direttamente alla scuola; mentre per l’offerta della Zanichelli è possibile chiedere la sostituzione gratuita delle copie danneggiate o andate perse dei testi scolastici e universitari del catalogo (per i moduli e per maggiori informazioni).

L’idea che anima questa proposta sta nel permettere alle scuole di dotarsi di supporti e beni didattici che consentano il pieno prosieguo delle attività, secondo l’idea per cui ricostruire la scuola vuol dire ripristinare il sapere in ogni sua forma.

Dopo vari progetti digitali che, in questi anni, hanno rodato la collaborazione tra queste case editrici e la Regione, oggi si torna all’esigenza delle fondamenta: simbolicamente si tratta della necessità di rimettere, alla base, quei “mattoni cartacei” sui quali si impara, attraverso i quali si costruiscono gli anni più intensi della nostra vita.

 

Fonte della foto: http://www.giuntiscuola.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy