• Google+
  • Commenta
12 ottobre 2012

Mussolini torna a scuola

Forse a volte un po’ di buon senso non guasterebbe.

Nella vita ci sono già tanti problemi: perché crearcene inutilmente altri? Che cosa è successo? Semplice: in una scuola di Ascoli Piceno, nelle Marche, è tornato Benito Mussolini.

Non è resuscitato né è stato avvistato un suo fantasma: è semplicemente tornato, ritratto in un quadro, su un cavallo bianco e con una spada in mano.

C’è voluto molto tempo per restaurare il quadro, ma alla fine ha ritrovato il “suo posto”: l’Aula magna dell’Istituto tecnico Umberto Primo di Ascoli Piceno. Il quadro venne realizzato proprio per questo istituto scolastico, quasi 80 anni fa: nel 1937, nel pieno del regime fascista!

Un quadro: un semplice quadro. Eppure l’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) ha protestato e vuole che il dipinto sia quanto prima rimosso dalla parete della scuola. Il motivo? Attaccare quel quadro è una violazione della Costituzione Italiana.

Terreno fertile, questo, per i dibattiti tra costituzionalisti, storici, politici. In realtà Mussolini non è ritratto in primo piano: si tratta più che altro di un’allegoria del Duce e della sua concezione della scuola. Fatto sta, che, comunque, Benito Mussolini è raffigurato nel quadro – allegoria o non allegoria. E questo basta per sollevare una polemica.

Giusto attaccare quel quadro? Sbagliato? Il punto è un altro: il punto è che si tratta di un quadro appeso in una scuola di una piccola città. Probabilmente non se lo sarebbe mai filato nessuno: ora è invece diventato uno dei quadri più “chiacchierati” d’Italia, almeno in questi giorni.

Il Fascismo ha rappresentato una pagina tanto importante quanto triste della storia del nostro Paese: basti solamente pensare all’adozione e all’applicazione delle leggi razziali, nel 1938. Tutti lo sappiamo e qui “destra” e “sinistra” non c’entrano niente. Il Fascismo è un’altra cosa. Non facciamo confusione.

Il punto è questo: si tratta di un quadro. Risolvete la questione con armonia: i problemi dell’Italia purtroppo sono altri.

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata