• Google+
  • Commenta
7 novembre 2012

Conclusione di un altro Mediterraneo: concerto di musica orientale dell’Ensamble Marâghî

Dopo il successo dei sei appuntamenti presso la Scoletta dei Calegheri di San Tomà, si conclude Un altro Mediterraneo”, ciclo di incontri sulla cultura arabo-islamica organizzati dal Dipartimento di Studi sull’Asia e l’Africa Mediterranea e dalla Biblioteca di area Linguistica di Ca’ Foscari rivolti principalmente alla cittadinanza veneziana e concepiti per far conoscere al grande pubblico lo straordinario contributo che il mondo arabo ha fornito alla nostra civiltà.

L’Ensemble Marâghî nasce nel 2008 all’altro capo della “Via della Seta”, Venezia, probabilmente grazie alle risonanze sonore che ancora vagano tra le pietre della città. Attualmente l’Ensemble segue due linee principali: una strumentale (sâzende) e una vocale (hânende).

La prima propone un itinerario nella musica strumentale ottomana antica (secoli XV-XVIII) sviluppatasi tra la corte e i centri sufi di Costantinopoli. La seconda, invece, si avvale della collaborazione con la cantante persiana Sepideh Raissadat e si dedica alle composizioni vocali di ‘Abd ul-Qâdir Marâghî (m. 1435). Questa seconda linea di ricerca risplende nel loro recente CD Anwâr. From Samarqand to Constantinople on the Footsteps of Marâghî, Felmay, 2010, CD: FY 8172.

A concludere l’iniziativa sarà il concerto di musica orientale dell’Ensamble Marâghî “Da Costantinopoli a Veneziarisonanze dal Kitâb ül-‘ilmi’l-Mûsiki di Dimitrie Cantemir (1673-1723)”che si terrà oggi, mercoledì 7 novembre, alle 18 presso la sede di Ca Foscari Zattere (ex Biblioteca di Servizio Diadattico). L’Ensamble Marâghî è un gruppo di quattro musicisti  nato nel 2008 e con all’attivo numerosi concerti in Italia e all’estero. (In allegato un approfondimento).

I temi trattati sono stati: arte, lingua, scienza, musica, cucina dei paesi dell’islam mediterraneo  e la “primavera araba”. I docenti che hanno tenuto queste conferenze hanno in particolare sottolineato i legami tra Venezia e i paesi dell’altra sponda del Mediterraneo.

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata