• Google+
  • Commenta
10 dicembre 2013

Sciopero Trasporti Dicembre 2013: orari e modalità sciopero mezzi

E’ stato indetto uno sciopero dei trasporti il 16 dicembre 2013 della durata di 4 ore.

La grande ondata di scioperi in Italia non si placa. Annunciato lo sciopero dei trasporti il 16 Dicembre 2013: una nuova manifestazione generale della durata di quattro ore,  va a compromettere la circolazione dei mezzi pubblici in tutta Italia.

“Assolutamente inadeguato per quanto riguarda lo sblocco della trattativa contrattuale” con questo commento i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Autoferrotranvieri e Faisa hanno confermato lo sciopero nazionale dei trasporti di quattro ore il prossimo 16 dicembre.  Le cinque organizzazioni, dunque, si uniscono nella protesta, ritenendo insufficiente l’offerta del Ministero del Lavoro per sbloccare la trattativa contrattuale.

A confermare ed aderire allo sciopero del 16 dicembre sono Filt, Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Ugl, Autoferrotranviero e Faisa.

L’insoddisfazione dei dipendenti dei trasporti pubblici. Per niente soddisfatti gli operatori dei trasporti pubblici, che non accettano  quanto stabilito dalla nuova vertenza contrattuale:  “è necessario – si legge in una nota sindacale – che il negoziato contrattuale riprenda nell’ambito del nuovo contratto nazionale di lavoro della Mobilità e si chiuda in tempi rapidi”.  “Andranno invece attentamente verificati nel merito – hanno aggiunto i sindacati – gli elementi elencati dal ministero dei Trasporti sul sistema di finanziamento e di regolazione del settore e sul suo assetto che dalla scorsa settimana sono oggetto di confronto in Conferenza Unificata (Governo, Regioni, Enti Locali) e che potrebbero sfociare a breve in provvedimenti legislativi”.

I motivi dello sciopero dei trasporti del 16 dicembre 2013. Si sciopera contro e verso un’Italia vicino all’orlo di un precipizio, si sciopera per le saracinesche abbassate e per la riduzione del personale.

La maggior parte delle famiglie italiane non sa più come continuare a vivere, non riuscendo più ad arrivare a fine mese. Si lotta contro la privatizzazione dei trasporti pubblici. I dipendenti sono preoccupati che una politica di privatizzazione possa solo peggiorare le loro condizioni e i loro contratti in termini di retribuzioni, bonus e orari.

La preoccupazione principale che li attanaglia è anche il possibile licenziamento da parte dell’azienda e quindi la relativa cassa integrazione. Ricordiamo che ora i tempi e le modalità della cassa integrazione sono cambiate e i tempi diminuiti proprio perché i disoccupati sono aumentati.

Lo sciopero dei trasporti del 16 dicembre 2013 è quindi motivato soprattutto dalla possibilità imminente di una privatizzazione che come sappiamo non porterà a nessuna soluzione ne sono lampanti esempi: Telecom e Alitalia.

Il sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Erasmo D’Angelis ha dichiarato massimo rispetto per la scelta dei sindacati  e afferma che occorre portare il servizio pubblico su standard europei con regole, stabilità legislativa e finanziaria, e politiche industriali con al centro le aggregazioni di aziende e la messa a gara delle gestioni, da non confondere con le privatizzazioni, “posso assicurare che per noi questo settore è tornato ad essere una priorità” –  ha concluso De Angelis.  –

Saltato anche il tavolo di confronto, lo scorso Novembre, tra Campidoglio e sindacati dei vigili urbani, ora anche quest’ultimi  sono pronti a scendere di nuovo in piazza per uno sciopero generale minacciando di bloccare la città di Roma sotto le festività natalizie.

Orari e modalità sciopero trasporti 16 dicembre 2013.

Uno tra gli  importanti scioperi trasporti in Italia  è quello del Friuli Venezia Giulia, che dice Stop alle Ferrovie Trenord: dalle ore 12 alle ore 18 non saranno infatti garantiti i treni regionali a causa di uno sciopero  trasporti.

Restano ancora da annunciare le fasce orarie e le modalità precise dello sciopero, che verranno comunicate a breve dalle aziende di trasporto pubblico locale.

Per ora sappiamo che lo stop dei mezzi pubblici coinvolgerà molte città italiane, in particolare i capoluoghi di regione: a Roma i lavoratori Atac Roma Tp bloccheranno i servizi pubblici dalle ore 9:00 alle 13:00. Lo sciopero a Roma comprenderà quindi la seguente fascia oraria che va dalle 9:00 alle 13:00.

Suania Acampa

Google+
© Riproduzione Riservata