• Google+
  • Commenta
27 gennaio 2017

Giornata della memoria 2017: frasi, immagini e video per il 27 gennaio

Immagini Giornata della memoria 2017
Immagini Giornata della memoria 2017

Immagini Giornata della memoria 2017

Oggi è la data della Giornata della Memoria 2017: frasi, immagini e video possono servire per non dimenticare il 27 gennaio 1945. Ecco foto di Auschwitz e citazioni sula Shoah.

Oggi è la data del 27 gennaio, Giornata della Memoria 2017 per non dimenticare l’Olocausto.

La Shoah (genocidio degli ebrei) è stato solo un terzo, quantitativamente, dello sterminio messo in atto dalla ferocia nazista.

Tra le vittime che si ricordano nel Giorno del ricordo 2017, ci sono anche gli omosessuali, gli zingari. Ma anche i portatori di handicap, gli oppositori politici e gli anziani. Tutti erano considerati “indesiderabili”, categorie di persone che rendevano il mondo un luogo meno “puro”. E per questo motivo andavano “sacrificate”, ed i nazisti tedeschi avevano il dovere di risolvere questo problema di portata mondiale.

In occasione della Giornata della Memoria frasi, aforismi celebri e citazioni sull’Olocausto aiutano a mantenere vivo il ricordo di tutte le vittime di quel difficile periodo storico. Attraverso immagini, programmazione di film a tema e documentari storici, ogni anno si torna a riflettere su quella parentesi di storia che va dal 1936 al 1945 circa.

In quegli anni gli ebrei furono dapprima emarginati dalla società, attraverso le Leggi di Norimberga del 1935. Poi venne avviato un vero e proprio processo di ghettizzazione. Quest’ultimo sfociò nelle deportazioni nei campi di concentramento. Infine, l’atrocità estrema venne raggiunta con i campi di sterminio. Qui l’annientamento degli “indesiderabili” avveniva in maniera sistematica. Quasi fossero delle fabbriche di morte.

Ma cosa si ricorda il 27 gennaio? Qui è il significato di questa data? Nello stesso giorno del 1945, le truppe dell’armata Rossa riuscirono ad entrare nel campo di concentramento di Auschwitz. Qui erano ancora in vita 7.000 persone. Tutti gli altri erano stati costretti a seguire i tedeschi nei campi di sterminio ad ovest della città, per un’ultima “marcia della morte”.

Simbolicamente la data del 27 gennaio 1945 rappresenta il giorno in cui si avviò il processo di liberazione delle vittime dei campi di concentramento. A partire da questa data, secondo le testimonianze dell’epoca, anche il resto dell’Europa e del mondo venne a conoscenza della “soluzione finale” della Germania nazista.

Giornata della memoria 2017: frasi, citazioni e aforismi sulla Shoah per non dimenticare

Come spesso succede quando ci sono ricorrenze ed eventi particolari, anche tramite social network come Facebook, Twitter ed Instagram è possibile condividere un pensiero sul significato di una determinata data. Le frasi per la Giornata della Memoria 2017 sono spesso citazioni famose e poesie di chi è stato testimone e vittima dell’Olocausto.

Tra gli aforismi celebri e più famosi ci sono quelli tratti dal Diario di Anna Frank. La ragazzina ebrea perse la vita nel campo di concentramento di Bergen-Belsen in Germania. Oppure ci sono le frasi sulla Shoah tratte da Se questo è un uomo di Primo Levi, deportato ad Aschwitz ma sopravvissuto.

Ecco di seguito alcune frasi sull’Olocausto, immagini per il 27 gennaio e foto per il Giorno della Memoria.

  • Il popolo ebraico, nella sua storia, ha dovuto sperimentare la violenza e la persecuzione. Fino allo sterminio degli ebrei europei durante la Shoah. Sei milioni di persone, solo perché appartenenti al popolo ebraico, sono state vittime della più disumana barbarie, perpetrata in nome di un’ideologia che voleva sostituire l’uomo a Dio. (papa Francesco).
  • Io credo che la verità sull’Olocausto ancora non sia completa e non tutto è venuto alla luce. (Elio Toaff).
  • Oggi più che mai, è necessario che i giovani sappiano, capiscano e comprendano. E’ l’unico modo per sperare che quell’indicibile orrore non si ripeta, è l’unico modo per farci uscire dall’oscurità. (Elisa Springer).
  • Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo. (frase all’interno del campo di concentramento di Dachau).
  • L’affermazione più profonda che sia mai stata pronunciata a proposito di Auschwitz non fu affatto un’affermazione, ma una risposta. La domanda: «Ditemi, dov’era Dio, ad Auschwitz?». La risposta: «E l’uomo, dov’era?». (William Clark Styron).
  • Se Dio esiste, dovrà chiedermi perdono. (da un graffito trovato su un muro ad Auschwitz).

Immagini per la Giornata della memoria 2017 e su Auschwitz

Ancora oggi è difficile riuscire a comprendere quali siano state le motivazioni che hanno spinto all’umanità a spingersi così oltre. L’ideologia razzista del Mein Kampf di Hitler ha avviato quel processo di legittimazione della superiorità della razza ariana. Che ancora oggi “giustifica” la follia di quegli anni. Ovviamente dietro lo sterminio degli ebrei c’erano anche ragioni di tipo economico.

Immagini Giornata della memoria 2017

Immagini per il Giorno della memoria 2017

Gli ebrei furono massacrati e derubati. Rappresentavano il caprio espiatorio perfetto per la Germania nazista che in quegli anni era penalizzata dalla crisi economica. Ma al di là delle ragioni della Shoah e Olocausto, il 27 gennaio è la data in cui bisogna tornare a riflettere, in maniera critica, sull’indifferenza e ferocia di cui siamo tutti capaci.

Ecco di seguito alcune frasi sulla Giornata della Memoria. Pensieri, foto e immagini per il 27 gennaio, per non dimenticare la Shoah.

  • Le azioni erano mostruose, ma chi le fece era pressoché normale, né demoniaco né mostruoso. (Hannah Arendt).
  • Lo strazio più grande è stato quello di dover subire l’indifferenza e la vigliaccheria di coloro che, ancora adesso, negano l’evidenza dello sterminio. (Elisa Springer).
  • In un angolo del campo di concentramento, a un passo da dove si innalzavano gli infami forni crematori. Nella ruvida superficie di una pietra, qualcuno, aveva inciso con l’aiuto di un coltello forse, o di un chiodo, la più drammatica delle proteste. “Io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia” (Luis Sepúlveda).
  • Grido di disperazione ed ammonimento all’umanità sia per sempre questo luogo dove i nazisti uccisero circa un milione e mezzo di uomini, donne e bambini, principalmente ebrei, da vari paesi d’Europa. Auschwitz – Birkenau 1940-1945. (Epitaffio posto all’ingresso del campo di concentramento di Auschwitz).

Guarda il Video per la Giornata della Memoria con frasi e immagini


© Riproduzione Riservata