• Google+
  • Commenta
23 Marzo 2019

Sondaggi elettorali di oggi 23 marzo 2019: Movimento 5 stelle in calo

Sondaggi elettorali di oggi 23 marzo 2019
Sondaggi elettorali di oggi 23 marzo 2019

Sondaggi elettorali di oggi 23 marzo 2019

Ultime previsioni e sondaggi elettorali di oggi 23 marzo 2019 per ogni partito politico a un giorno  dalle elezioni regionali in Basilicata: ecco quali sono le proiezioni del giorno dell’ultima ora.

Domani 24 marzo mezzo milione di italiani è chiamato alle urne per eleggere il nuovo Presidente della Giunta Regionale. I sondaggi elettorali di oggi 23 marzo, vigilia del voto parlano chiaro. Il Movimento 5 stelle è in calo rispetto al Cento Destra e al Centro Sinistra. Dopo il recente crollo in Sardegna e Abruzzo, strada in salita anche in Basilicata.

Dopo le aspettative deluse in Abruzzo (sotto il 20%) e la debacle in Sardegna (sotto il 10%) per il Movimento 5 Stelle la Basilicata rischia di trasformarsi in un nuovo bagno di sangue. I sondaggi, che davano fino a qualche settimana fa i Cinquestelle in vantaggio, hanno cambiato di segno, con il centrodestra in vantaggio di 4 punti rispetto al centrosinistra.

E il M5s al terzo posto intorno al 20-22%. L’obiettivo minimo per Di Maio e compagni è quello di non andare sotto il 10%.

Proiezioni e sondaggi elettorali di oggi 23 marzo 2019: previsioni dell’ultima ora per ogni partito

Per i 5 stelle la strada in Basilicata è tutta in salita, dopo che sia centrodestra che centrosinistra si sono ricompattati attorno ad un unico candidato presidente. Potendo mettere sul campo centinaia di candidati consiglieri regionali contro gli appena 20 presenti nella lista singola del M5S.

Fino a qualche mese fa il Movimento 5 stelle si registrava in testa nei sondaggi elettorali rispetto al centrodestra e al centrosinistra, con un crollo verticale del PD e la stabilità della Lega.

Ma proprio in Basilicata c’è una ‘beffa grillina‘ inerente il sussidio pentastellato. Per molti analisti politici, infatti, il reddito al Sud è un potente incentivo di voto e chi ne resta escluso e lo avverte come una ingiustizia potrebbe vendicarsi per la “promessa mancata” di Di Maio. Dal punto di vista sociale ed economico, infatti, la Basilicata ricalca gran parte del Sud rurale e “interno”, poco urbanizzato: quasi tutti coloro che per situazione reddituale avrebbero accesso al sussidio hanno pero una casa di proprietà e un “tesoretto” di qualche migliaia di euro in banca, due condizioni che li escludono automaticamente dalla graduatoria. Brutta notizia per il candidato Antonio Mattia, che parte già sfavorito nei confronti di Vito Bardi (centrodestra) e Carlo Trerotola (centrosinistra). Finire sotto il 20% potrebbe rivelarsi come un disastro politico per il futuro dei 5 Stelle.

Ad oggi c’è molta incertezza sugli esiti del voto, le sorprese sono dietro l’angolo. Una campagna elettorale caratterizzata da pochi sondaggi e tanto lavoro da parte delle forze politiche in sfida.

Previsioni elettorali sul Movimento 5 Stelle, Lega, Forza Italia e PD

Nonostante il Movimento 5 stelle rischia, sondaggi elettorali di oggi 23 marzo alla mano, una catastrofe, Di Maio si mosta fiducioso. La catastrofe è preannunciata dalla situazione legata al reddito di cittadinanza.

“Ripartire per ricostruire la Basilicata dopo 30 anni di governo della sinistra”, questo il leitmotiv della campagna elettorale di Salvini. Da Matera a Potenza, da Muro Lucano a Pomarico, il leader del Carroccio prosegue la sua marcia in Lucania.

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, è sicuro dei risultati: “Sono sicuro che dopo tanti anni di cattivo governo di sinistra il centrodestra vincerà. Con noi la Basilicata è pronta a ripartire”, scrive su twitter.

Il centrosinistra, con il candidato Carlo Trerentola, punta senz’altro a continuare i suo ‘dominio’ sulla regione cominciato nel lontano 2000. Il nuovo che avanza, forte delle spalle coperte dal ‘vecchio’ che ritorna prepotentemente, guidato da un unico grido: ‘il Sud non è in vendita’.

Insomma, sarà tutto da scrivere per questa regione. A differenza di Abruzzo e Sardegna, la sfida è aperta e può aprire a differenti scenari e sorprese.

Google+
© Riproduzione Riservata