• Google+
  • Commenta
21 Maggio 2019

Superuomo: trama, riassunto, mappa concettuale e approfondimento

Superuomo - Friedrich Nietzsche
Superuomo - Friedrich Nietzsche

Superuomo – Friedrich Nietzsche

La figura del Superuomo, tra sogno e realtà: trama, riassunto breve, storia, mappa concettuale e approfondimento PDF da scaricare gratis per compiti in classe, ed esami di scuola.

Stiamo parlando di una delle figure più interessanti della storia: ecco quali sono le origini e la vera storia.

Chi è il superuomo? Dove nasce? Il filosofo tedesco Nietzesche padre del superuomo.  D’Annunzio e Nietzesche a confronto. Il Futurismo e la dinamicità dell’eroe. Riassunti gratis e mappa concettulale. Questa figura ha da sempre interessato un pubblico vasto, dagli studiosi di Nietzesche ai lettori amatoriali. Attualmente siamo circondati da una realtà che sembra cercare la figura nietzeschiana tanto discussa e criticata negli anni. In una società fatta di caos e di velocità, che non lascia spazio ad esitazioni e sfumature, questo è quanto più appare vicino ad una soluzione estrema e definitiva.

La ricerca di questo personaggio è sempre più forte nostro quotidiano emergendo anche dalle scelte politiche: all’aumentare del malcontento generale ,aumentano le adesioni del popolo verso figure dalla voce forte e ben definita. Scelte che, talvolta, molto lontane dall’etica.

Chi è il superuomo di Nietzesche: dove nasce e filosofia: mappa concettuale – Scarica PDF

Il filosofo F. Nietzesche introduce la figura dell’oltreuomo o superuomo (dal tedesco Übermensch) nella sua opera matura “Così parlò Zarathustra. Un libro per tutti e per nessuno” (1883-1885). Forte in quest’opera l’eredità platonica sulla concezione della realtà, inteso come copia scabra del mondo delle idee a cui la realtà tende.

Il soggetto scelto dal filosofo è Zarathustra, un profeta che ha compreso i segreti del mondo e che decide di rivelarli alle masse. Esordisce con l’annuncio della morte di Dio e l’avvento dell’oltreuomo. La morte di Dio rappresenta la fine di tutte le credenze che hanno bendato gli occhi degli uomini, limitandoli nell’ascesa al mondo delle idee. Solo con questa morte l’uomo può andare oltre l’umano, diventando altro da sè.

Questa è quella figura che ha preso le distanze dall’ingannevole realtà e ha aperto gli occhi, prendendo le redini del proprio destino, uccidendo la morale comune (Dio). Egli è un eroe che ha preso piena consapevolezza di sè ed è in grado di affermarsi nel mondo e nella vita.

L’opera di Nietzesche si presenta profetica sia per la struttura che per lo stile, molto vicino a quello biblico. Anche il soggetto, Zarathustra, è molto vicino alla figura di un sacerdote che istruisce le masse alla dottrina. E’ un eroe che libera gli uomini dalla schiavitù della morale; egli rinnega gli ascetismi religiosi che rinnegano il corpo al favore dell’anima. L’eroe nietzeschiano non condanna il corpo, bensì la sua filosofia si ripresenta come unione fra lo spirito e la carne. Il padre di questa teoria fornisce al lettore gli strumenti per andare “oltre” abbracciando questa nuova dottrina-filosofica.

Letteratura: D’Annunzio e Nietzesche a confronto – SCARICA APPUNTI

Lo scrittore Gabriele D’Annunzio riprende nella propria letteratura la teoria del superuomo di Nietzesche. D’Annunzio ricrea questa figura nei suoi romanzi come nella vita, dando alla teoria originaria un’accezione diversa e ben lontana dal carattere positivo che l’aveva contraddistinta.

Il Superuomo d’annunziano assume un carattere soggettivo, non mira alla conversione dei popoli alla filosofia-dottrina nietzeschiana ma alll’autoaffermazione esasperata della propria persona e del proprio Io. Egli non è più una figura che valica i limiti imposti dalla morale, ma una figura che scavalca le masse e si pone al di sopra della piramide sociale, con un atteggiamento reazionaria.

Questa figura è molto conforme a D’Annunzio stesso e alla propria vita. Gabriele D’Annunzio fu autore di numerose imprese militari nel corso della Prima Guerra Mondiale, imprese caratterizzate da un forte senso patriottico. L’emblematico il tentativo di conquista della città di Fiume è la dimostrazione più autentica del superomismo di cui pecca lo scrittore. Le opere di D’Annunzio in  cui è molto forte questa accezione sono “Il trionfo della morte”, “Le vergini delle rocce”, “Il fuoco”, e “Forse che sì e forse che no”.

Superuomo e il futurismo e la dinamicità dell’eroe

L’avanguardia artistica italiana del Futurismo, XX secolo, non è rimasta immune dai cardini su cui ruota la teoria del superuomo.  L’opera d’arte cambia con i tempi e con la nuova velocità richiesta dal mondo e dalle innovazioni tecnologiche. La corrente artistica del Futurismo rompe gli schemi del classicismo imposti dall’arte e dai canoni tradizionali. Il movimento diventa arte, l’eroe diventa dinamicità e un tutt’uno con il tempo e con lo spazio. Opera emblematica è  la scultura “Forme uniche della continuità nello spazio” dell’artista Umberto Bocconi.

Linee di velocità avvolgono la figura dell’uomo che sembra lontano sia dal tempo che dallo spazio dello spettatore che si ritrova ad essere immobili dinnanzi a quello statico movimento. L’uomo supera sè stesso per diventare una macchina pulsante di vita e di idee.

Google+
© Riproduzione Riservata