• Google+
  • Commenta
6 Giugno 2019

Pamela Perricciolo dice la verità su Mark Caltagirone e Simone Coppi

Pamela Perricciolo dice la verità su Mark Caltagirone e Simone Coppi
Pamela Perricciolo dice la verità su Mark Caltagirone e Simone Coppi

Pamela Perricciolo dice la verità su Mark Caltagirone e Simone Coppi

Pamela Perricciolo in diretta a Non è la D’Urso a raccontare la sua verità su Mark Caltagirone e Simone Coppi, rivelazioni scottanti e tante bugie. Dichiarazioni sul matrimonio di Pamela Prati e Marco Caltagirone ed Eliana Michelazzo.

In queste settimane si sta parlando ininterrottamente di queste vicende che hanno fatto molto scalpore e indignare il popolo italiano. Non si tratta più di un semplice gossip ma bensì qualcosa che va oltre al furto, bugie, tradimenti. Qualcosa ancora irrisolta dato che non ci si rende conto del fulcro della situazione.

La terza del trio ha finalmente scelto di raccontare la sua versione dei fatti ed il caso si allarga sempre di più. Tutti accusano Pamela Perricciolo di essere la mente di tutto, ma lei accusa Pamela Prati ed Eliana Michelazzo.Molte le versioni discostanti e ciò che vedremo affermato dalla Perricciolo viene smentito dai messaggi e audio messi da Eliana su Instagram.

Pamela Perricciolo dice la verità su Mark Caltagirone e Simone Coppi da Barbara D’Urso

Dopo le forti dichiarazioni della manager Eliana Michelazzo non restava che intervistare colei che hanno addossato tutte le colpe. Ovvero Pamela Perricciolo chiamata Donna Pamela. Oltre che manager una sorella e amica per la Prati e Eliana. Eliana l’accusa di star dietro al suo compagno fantasma Simone Coppi data la prova che il cellulare è intestato a lei. Pamela Perricciolo per la sua primissima intervista in diretta ha scelto di presentarsi da Barbara D’Urso, dove è andata anche Eliana Michelazzo in precedenza per raccontare la sua verità.

Una puntata tostissima ed impegnativa esordisce la D’Urso. Lei afferma dell’esistenza di questi account attivati dietro la famiglia Coppi per gioco anni fa e con dieci persone che hanno le password ma ancora non si viene a capo. Personaggi inventati ma tutti attivi sui social, chi ha creato tutto questo?  I telefoni di questi personaggi erano intestati all’agenzia di Eliana Michelazzo che smentisce dicendo di non aver mai intestato delle sim alla sua azienda.

Mentre Donna Pamela afferma di aver incontrato un Marco Caltagirone quattro volte al suo ristorante e avergli dato una sim italiana e così spiega perché risulta a lei l’intestataria. Ma dice di non averlo più visto e che del matrimonio è stata la stessa Pamela Prati ad affermarlo ma non lei. Quindi la mente sono tutte e tre? Ancora non ci avviciniamo alla verità. Infine, si dichiara non del tutto colpevole prendendosi metà delle colpe affermando che lei non è Simone e Marco. Le sue colpe sono dovute al dopo quando ha inventato situazioni per mettere a tacere le voci che si erano scatenate.

Donna Pamela denuncia e si dichiara metà colpevole

Donna Pamela ha voluto mettere ben in chiaro le cose sin dall’inizio. Non si è professata innocente ma ha ribadito che tutte e tre avessero fatto delle cose. Ha quindi incluso anche sé stessa in questa rete di intrecci così ingarbugliata. Si è dichiarata colpevole  ma solo in parte.  Ha ribadito più volte come all’inizio fosse tutto vero e non inventato. La situazione sarebbe poi però sfuggita di mano e da lì non sono più riuscite a tornare indietro.

Ed è da questo che hanno fatto passare un’amico della Prati come l’imprenditore per tacere le voci del web.  Per far in modo di metter fine a tutto questo pensavano che bastasse l’intervento della Prati nell’annullamento del matrimonio ma in realtà il pubblico italiano non ha creduto pensando già che ci fosse ben altro dietro. Come infatti dimostrano le rilevazioni dopo. E la Prati e la Perricciolo ammettono di aver denunciato diverse persone come anche la stessa Eliana Michelazzo ancora invischiata nella faccenda. Non ci resta che aspettare che esca fuori  e si faccia conoscere questo uomo presentato come Marco Calta.

Google+
© Riproduzione Riservata