Giornata mondiale alfabeto Braille: frasi famose e citazioni

Carolina Campanile 3 Gennaio 2020

Il 4 Gennaio è la Giornata mondiale dell'alfabeto Braille: scopriamo quali sono le origini e la storia del World Braille Day e cos'è il World Braille Day.

Leggi inoltre la nostra raccolta di frasi e citazioni sull’alfabetizzazione per il 4 gennaio.

Le origini dell’alfabeto braille si devono a Louis Braille, il quale inventò un sistema che ha cambiato il modo di vivere di migliaia di persone non vedenti. Invenzione rivoluzionare, il braille è un sistema di scrittura e lettura basato sulla combinazione di sei punti in rilievo, combinabili tra loro e corrispondenti a lettere, numeri, segni di interpunzione, simboli musicali, informatici e chimici. Secondo una stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel mondo vi sono 36 milioni di persone affette da cecità totale e 1.3 miliardi con problemi visivi. Tra queste persone vi è anche Ray Charles, il noto pioniere del soul che perse la vista a soli sette anni e sulle cui vita hanno girato un documentario.

Tra le Giornate Mondali, quella dell’alfabeto Braille è un’occasione per sensibilizzare le persone sulle sfide che i non vedenti devono affrontare giornalmente. Altro scopo è quello di incoraggiare i governi ad offrire nuove opportunità a queste persone. La Giornata è anche un’occasione per sottolineare che la lettura è un diritto fondamentale dell’essere umano. Ed è proprio in questo giorno che la World Blind Union, organizzazione che rappresenta le persone cieche e ipovedenti, rivolge tale appello.

Scopriamo quali sono le origini e la storia della Giornata mondiale dell’alfabeto Braille e cos’è il World Braille Day. Leggi inoltre la nostra raccolta di frasi sull’alfabeto, citazioni famose sull’alfabetizzazione per il 4 gennaio.

Origini della Giornata alfabeto Braille: cos’è, storia e origini del World Braille Day

Immagini con frasi Giornata mondiale alfabeto Braille

Immagini con frasi Giornata mondiale alfabeto Braille

Istituita nel giorno di nascita del suo inventore, il 4 gennaio si celebra la Giornata mondiale dell’alfabeto BrailleMa chi è il suo Louis Braille e quanto è importante la sua invenzione? Nato a Coupvray il 4 gennaio 1809, Louis Braille a tre anni perde la vista a causa di un’infezione.

A 10 anni entra a far parte dell’Istituto dei Ciechi di Parigi, dove i ragazzi imparavano a leggere secondo il metodo Haüy che consisteva nel leggere col tatto delle lettere stampate in rilievo.

Durante le campagne belliche Charles Barbier de La Serre inventa un sistema che consentiva ai soldati di comunicare tra loro anche di notte. Chiamata scrittura notturna, essa era basata su un codice tattile che riproduceva le parole utilizzando un sistema di dodici punti in rilievo combinati tra loro. I ragazzi dell’Istituto testarono l’invenzione, ritenendola migliore.

A soli 15 anni Braille crea un codice alfabetico. Si tratta di sei punti posizionati in uno spazio corrispondente a quello del polpastrello del dito indice. Più tardi estende il metodo alla matematica e alla musica. Solo nel 1854, due anni dopo la morte di Louis, il governo francese approva il sistema. La sua invenzione è senza dubbio una conquista enorme che dona uguaglianza e indipendenza ai non vedenti. Nel 2013 nasce il Trattato di Marrakech, con lo scopo di facilitare l’accesso ai testi pubblicati alle persone ciecheE’ un progetto che riproduce in carattere Braille testi famosi, in modo da permetterne la diffusione. Nel 2020, in occasione dei Giochi Olimpici, nasce il Braille Neue: un carattere innovativo che combina il rilievo della scrittura con la forma delle tradizionali lettere. Il font, leggibile anche da ipovedenti, esiste già nella versione Standard, con caratteri occidentali, e Outline con ideogrammi giapponesi.

Citazioni sul World Braille Day: frasi famose e aforismi

Ecco una raccolta delle più belle frasi sulla Giornata mondiale dell’alfabeto Braille, citazioni famose e aforismi sull’alfabetizzazione da condividere per sensibilizzare sulla storia e origini della Giornata mondiale dell’alfabeto Braille.

  • L’alfabeto appartiene a tutti e chiunque è padrone di servirsene per creare una parola e farsene il proprio nome.Giacomo Casanova
  • Nelle macchine da scrivere sorride la dentiera dell’alfabeto.Ramon Gomez de la Serna
  • L’amore non è usare le stesse parole, ma avere lo stesso alfabeto.Massimo Gramellini
  • Tutto quello che ho per difendermi è l’alfabeto, è quanto mi hanno dato al posto del fucile. – Philip Roth
  • La matematica è l’alfabeto in cui Dio ha scritto l’Universo. – Galileo Galilei
  • L’alfabeto fu l’origine di tutte le conoscenze dell’uomo e di tutte le sue stupidaggini. – Voltaire
  • Gli analfabeti del futuro non saranno quelli che non sanno leggere o scrivere, ma quelli che non sanno imparare, disimparare, e imparare di nuovo. – Alvin Toffler
  • L’alfabeto è un nido da cui escono stormi e stormi di parole.Ramón Gómez de la Serna
  • Lei iniziò con la prima di quelle che più tardi definimmo ‘le mie lezioni di vita’. Mi disse che dovrò sempre essere intollerante verso l’ignoranza ma comprensiva verso l’analfabetismo. – Maya Angelou
  • L’Italia è un paìsi con dù milioni di analfabeti totali e il trenta per cento della popolazioni che sapi appena fari la propia firma. – Andrea Camilleri 
Evento del giorno: Giornata mondiale dell'alfabeto Braille
Le origini della Giornata si devono all'invenzione dell'alfabeto braille, che prende il nome dal suo inventore Louis Braille. Inventato a soli 15 anni, il sistema viene reso pubblico solo due anni dopo la sua morte. La sua invenzione è senza dubbio una conquista enorme che dona uguaglianza e indipendenza ai non vedenti.
Nome EventoGiornata mondiale dell'alfabeto Braille
Data ricorrenza04/01/2019
Origine e significatoHa origine in seguito all'invenzione dell'alfabeto braille
ScopoSensibilizzare le persone sulle sfide che i non vedenti devono affrontare giornalmente
Evento del giorno: Giornata mondiale dell'alfabeto Braille
Le origini della Giornata si devono all'invenzione dell'alfabeto braille, che prende il nome dal suo inventore Louis Braille. Inventato a soli 15 anni, il sistema viene reso pubblico solo due anni dopo la sua morte. La sua invenzione è senza dubbio una conquista enorme che dona uguaglianza e indipendenza ai non vedenti.
Nome EventoGiornata mondiale dell'alfabeto Braille
Data ricorrenza04/01/2019
Origine e significatoHa origine in seguito all'invenzione dell'alfabeto braille
ScopoSensibilizzare le persone sulle sfide che i non vedenti devono affrontare giornalmente
© Riproduzione Riservata
avatar Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto