Giornata dei viaggi dell’uomo nello spazio: frasi e citazioni

Carolina Campanile 12 Aprile 2020

Il 12 aprile quando si celebra la Giornata dei viaggi dell'uomo nello spazio, frasi, citazioni e aforismi sono un bel modo per ricordare, significato e storia dell'International Day of Humans Space Flight, frasi e citazioni.

Istituita dall’ONU, la Giornata vuole celebrare annualmente a livello internazionale l’inizio dell’era spaziale per l’umanità. Il fatidico 12 aprile 1961 rappresenta un evento storico che ha aperto le strade all’esplorazione del cosmo a beneficio dell’intera umanità. Considerati un vero e proprio bene per la popolazione mondiale, i viaggi i interspaziali non solo testimoniano la capacità dell’uomo di spingersi oltre i propri confini e limiti.

Essi sono anche utili per aumentare la comprensione, e di conseguenza il rispetto, verso il nostro pianeta. Così in occasione della ricorrenza l’Ufficio Unoosa dell’ONU aggiorna l’album con i messaggi di tutti gli esploratori lasciati ai posteri.

Lo scopo è quello di sensibilizzare, sì, ma anche di ispirare le future generazioni. La sfida del futuro saranno i viaggi interstellari e il sistema di propulsione. Non ci resta che fare un grosso in bocca al lupo ai nostri eroi dello spazio extra-atmosferico.

Scopri perché si celebra la Giornata internazionale dei viaggi dell’uomo nello spazio e cosa vuole sensibilizzare, e frasi e citazioni degli astronauti da condividere in occasione dell’International Day of Humans Space Flight del 12 aprile. 

Giornata internazionale dei viaggi dell’uomo nello spazio: perché si celebra il 12 aprile

Immagini e frasi Giornata dei viaggi dell'uomo nello spazio

Immagini e frasi Giornata dei viaggi dell’uomo nello spazio

Istituita nel 2011 con la risoluzione A/271 del 7 aprile, annualmente il 12 aprile è la Giornata mondiale dei viaggi dell’uomo nello spazio. Fortemente voluta dalle Nazioni Unite, avente tra l’altro un apposito ufficio dedicato all’universo (Unoosa). Prima di allora in Russia e in altri Paesi il 12 aprile veniva già festeggiata la giornata della cosmonautica. Così è proprio il rappresentate della Federazione Russa presso le Nazioni Unite a proporre la risoluzione. E la proposta arriva proprio in occasione del cinquantesimo anniversario del primo volo dell’uomo nello spazio.

La data non è quindi scelta a caso, ma ha un forte valore simbolico. Era infatti il 12 aprile 1961 quando l’astronauta Jurij Gargarin, detto Yuri, parte a bordo della navicella Vostok 1. Quel giorno Yuri usciva dall’atmosfera terrestre ed entrava in orbita intorno al nostro pianeta, compiendo un’intera orbita ellittica. Vedo la Terra, mi sento bene. Com’è bello!

Queste sono le prime parole di Gargarin, che segnavano l’inizio di un’avventura partita nell’allora segretissima base russa di Baikonur. Qui continuano ancora oggi a partire le Soyuz, navette russe in grado di portare equipaggi umani in orbita. Dopo 108 minuti di volo intorno alla Terra, la Vostok 1 rientra nell’atmosfera. Yuri Gargarin diventa così, a soli 27 anni, il primo uomo della storia ad orbitare intorno al pianeta che da anni l’uomo ha abitato. Lo storico viaggio dell’astronauta russo è un capitolo importantissimo della storia dell’umanità. Da quel giorno è stato infatti possibile iniziare l’esplorazione dello spazio. Prima di allora solo lo scimpanzé Ham e la cagnolina Laika erano usciti dall’atmosfera terrestre. La giornata dei viaggi dell’uomo nello spazio è un giorno simbolico per l’uomo, per ricordarci della capacità di superare i proprio limiti. – disse il segretario dell’ONU. Venti anni dopo la NASA dà inizio all’era degli Shuttle.

International Day of Humans Space Flight: cosa vuole sensibilizzare

Immagini e frasi Giornata dei viaggi dell'uomo nello spazio

Immagini International Day of Humans Space Flight

Sin dalle sue origini l’International Day of Humans Space Flight vuole celebrare l’inizio di un’era importantissima. Ribadendo anche l’essenziale contributo della scienza e della tecnologia spaziale in tutto il mondo.

Questi infatti aiuterebbero il raggiungimento di obiettivi per lo sviluppo sostenibile e l’aumento del benessere dei popoli, garantendo la realizzazione delle loro attività di salvaguardia dei posti extra-atmosferici.

L’Assemblea generale già nel 2011 manifestò la sua piena convinzione dell’interesse comune della razza umana nell’approfondimento dell’esplorazione per scopi pacifici.

Rivolgiamo un appello a tutti gli Stati, affinché adottino misure per impegnarsi in uno sforzo comune volto ad usare le scienze e tecnologie spaziali in modo da preservare il Pianeta terra e il suo ambiente per la generazioni future. – si legge nella Dichiarazione. La giornata dei viaggi dell’uomo nello spazio vuole ricordare anche tutti i progressi ottenuti negli anni successivi. Quella del 12 aprile 1961 è infatti solo la prima tappa di un lungo percorso.

Sono infatti tanti i progressi avvenuti, come quando nel 1965 il russo Aleksej Leonov effettua la prima passeggiata tra le stesse. O come quando nel 1969 Neil Armstrong tocca per la prima volta il suolo lunare. Celebre è la sua citazione un piccolo passo per l’uomo, un grande balzo per l’umanità. O ancora come quando nel 1971 l’uomo crea la sua prima casa nello spazio: la stazione sovietica Saljut. A partire dal 1961 le imprese si sono moltiplicate, come se Gargarin avesse scosso lo spirito di esplorazione di tutti. La Russia resta per anni al primo posto indiscusso, mandando per la prima volta una donna nell’etere: era Valentina Tereshkova. Negli anni numerosi astronauti hanno fatto la storia, arricchendo così il nostro patrimonio scientifico e culturale. Doveroso citare anche i nostri compatrioti Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti.

Citazioni per la Giornata dei viaggio dell’uomo nello spazio: frasi

Le più belle frasi degli astronauti e dei loro viaggi nello spazio, citazioni famose e aforismi da condividere il 12 aprile per la Giornata internazionale dei viaggi dell’uomo nello spazio.

  • Improvvisamente mi colpì l’idea che quel piccolo puntino che vedevo, così bello e così blu, fosse la Terra. Alzai il pollice e chiusi un occhio, e il mio dito nascose completamente il nostro pianeta. Non mi sentii un gigante, affatto. Mi sentii molto, molto piccolo. – Neil Armstrong
  • Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini. – Jurij Gagarin
  • Quando ho guardato la Terra, in piedi sulla Luna, ho pianto. – Alan Shepard 
  • Guardare il mondo dalla Cupola è indescrivibile. Si ha il senso di fragilità del pianeta Terra, con la sua atmosfera sottilissima, e dell’incredibile bellezza di questo gioiello sospeso nel velluto nero dello spazio.  – Luca Parmitano
  • Guardare la Terra dal finestrino è affascinante, soprattutto nei momenti dell’alba e del tramonto. Si può notare molto la sottile atmosfera che avvolge il nostro pianeta e che ci differenzia da Marte. Se non ci fosse l’atmosfera, la Terra sarebbe completamente diversa ed è per questo che dobbiamo trattarla bene. – Paolo Nespoli
  • Mai come nello spazio ti accorgi che i confini non esistono. Dall’alto l’Europa è un reticolo di luci, collegamenti, i cui confini sono solo dentro le menti delle persone. – Luca Parmitano
  • Poggiare il piede sulla superficie lunare, toccare le sue pietre, assaporare il panico e lo splendore dell’evento, sentire in fondo allo stomaco la separazione dalla Terra. Queste costituiscono le sensazioni più romantiche che un esploratore possa mai conoscere. Questa è la sola cosa che posso dire a riguardo. I risvolti pratici non mi interessano. – Vladimir Nabokov
  • Per anni i politici hanno promesso la luna. Io sono il primo in grado di darvela. – Richard Nixon
Evento del giorno: Giornata dei viaggi dell'uomo nello spazio
Fortemente voluta dalle Nazioni Unite, la Giornata vuole celebrare annualmente a livello internazionale l'inizio dell'era spaziale per l'umanità. La data non è scelta a caso, ma ha un forte valore simbolico. Era infatti il 12 aprile 1961 quando l'astronauta Jurij Gargarin parte a bordo della navicella Vostok 1.
Nome EventoGiornata dei viaggi dell'uomo nello spazio
Data istituzione07/04/2011
Data ricorrenza12/04/2020
Origine e significatoLa giornata ha origine grazie alle Nazioni Unite
ScopoCelebrare l'inizio dell'era spaziale
Evento del giorno: Giornata dei viaggi dell'uomo nello spazio
Fortemente voluta dalle Nazioni Unite, la Giornata vuole celebrare annualmente a livello internazionale l'inizio dell'era spaziale per l'umanità. La data non è scelta a caso, ma ha un forte valore simbolico. Era infatti il 12 aprile 1961 quando l'astronauta Jurij Gargarin parte a bordo della navicella Vostok 1.
Nome EventoGiornata dei viaggi dell'uomo nello spazio
Data istituzione07/04/2011
Data ricorrenza12/04/2020
Origine e significatoLa giornata ha origine grazie alle Nazioni Unite
ScopoCelebrare l'inizio dell'era spaziale
© Riproduzione Riservata
avatar Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto