Sondaggi politici oggi 13 giugno 2020: intenzioni di voto

Gabriella De Rosa 13 Giugno 2020

Gli ultimi sondaggi politici di oggi 13 giugno 2020 di Noto per Porta a Porta, mostrano un calo della Lega e del Pd mentre continua la tendenza positiva per Fratelli d'Italia.

Nonostante sia moderato, il calo più evidente è quello della Lega che perde lo 0.3%. A perdere punti sono anche Forza Italia e la Sinistra insieme al PD che con il calo che registra, continua la sua scia negativa. Nota positiva per i Verdi e +Europa oltre alla costante Meloni. Leggera inversione di tendenza dei grillini, M5S infatti recupera lo 0,2% come anche Italia Viva e Azione.

Per i sondaggi politici 13 giugno 2020, il Carroccio di Salvini si ferma al 25,0% ma ci pensano gli alleati di coalizione a compensare la leggere perdita con il 14,4% di FdI e il 7,6% di Forza Italia, tenendo alto il segno più e il morale della coalizione. Si ferma al 20% di consensi il Pd mentre il Movimento 5 Stelle si trova sul filo di un rasoio fianco a fianco con la Meloni.

Ultimi sondaggi politici oggi 13 giugno 2020: quanto influenzeranno lo scenario Stati Generali

Sondaggi politici oggi 13 giugno 2020 di Noto sondaggi per Porta a Porta

Sondaggi politici oggi 13 giugno 2020 di Noto sondaggi per Porta a Porta

Ad influenzare i sondaggi oggi sono gli ultimi eventi che riguardano l’Italia. Conte ha convocato gli Stati Generali dell’Economia convinto di un passo importante per rilanciare l’economia post Covid. Gli incontri dureranno una settimana e si svolgeranno a Villa Pamphili e vedono la presenza di tecnici e personalità di spicco nel campo dell’economia e della politica.

Le proteste riguardo gli Stati Generali sono state molte. Sia dall’opposizione sia dalle fila interne della maggioranza sono arrivate critiche a Giuseppe Conte per questa iniziativa. Per i detrattori degli Stati Generale è una completa perdita di tempo mentre si potrebbe lavorare all’interno delle Camere sul DL rilancio.

I dissensi maggiori li hanno espressi Giorgia Meloni che ha criticato questa scelta considerandola completamente superflua mentre si lavorava sugli emendamenti in Parlamento. Matteo Salvini esprime con sempre più forza la sua volontà di andare alle elezioni e far parlare gli italiani, stanco di dissidi interni al governo. Il leader del Carroccio si riferisce ai contrasti tra Conte e Di Maio che complotterebbe contro il premier avendo ostacolato gli Stati Generali con un incontro alla Farnesina sull’export italiano.

Anche le Regioni si sono proclamate contrarie alla fondazione degli Stati Generali dell’economia. Tra i leader di maggior spicco che è stato protagonista della scena politica durante l’emergenza aumentando il proprio gradimento è Vincenzo de Luca.

Il governatore campano sferra un duro attacco al governo Conte bis su Facebook. Con solita ironia e pungente sarcasmo paragona l’incontro ad un concilio ecumenico “da cui riceveremo tante certezze e soprattutto tanta semplificazione del nostro Paese“. Scettico nei confronti delle decisioni di Roma, da dove arriva solo confusione anzi “ammuina“.

Ed è proprio questo clima di ulteriore tensione che potrebbe far calare ancora di più nei sondaggi politici i consensi nei confronti di questo governo. Conte dovrà impegnarsi affinché questi Stati Generali siano un successo per l’economia di questo paese, altrimenti le laceranti distanze interne e con la maggioranza faranno crollare questo esecutivo già in bilico.

Quali sono le intenzioni di voto degli italiani oggi 13 giugno 2020: cosa voterebbero se si andasse a elezioni anticipate e caduta del Governo

Lo scenario politico è abbastanza stabile nelle ultime settimane dall’inizio della fase 2 in seguito alle misure economiche intraprese. Con l’inizio della fase 3 si dà l’avvio anche agli Stati Generali dell’economia richiesti dal premier. La fiducia in un risvolto positivo di questi incontri lascia un margine di speranza per il governo e sicuramente sarà una cartina al tornasole per le scelte degli italiani.

Ad oggi, la maggioranza è al 42,3% e l’opposizione al 48,3% e sembra procedere verso questa direzione. L’unico evento supposto che stravolgerebbe questi numeri sarebbe un’entrata in scena di una ipotetica lista Conte. Come abbiamo visto dai precedenti sondaggi, il presidente del Consiglio ha l’appoggio e la fiducia di molti italiani tanto da fargli guadagnare il terzo posto.
A perderci da questo cambio di scena saranno soprattutto le forze di governo PD e M5S: La maggior parte dei voti che guadagnerebbe Conte, infatti, verrebbero da una perdita di fiducia nei confronti del Pd e dei grillini. Tutto ciò intaccherebbe quasi il consensi per Lega e Fratelli d’Italia.

Gli ultimi sondaggi politici di Noto sondaggi parla chiaro, numeri clamorosi senza precedenti che rispecchiano senza ombra di dubbio cosa voterebbero oggi gli italiani. Il centrodestra a forze unite raggiunge il 51% ottenendo così la maggioranza dei voti. Questo dato indica un’evidente volontà di affidarsi ad un programma unitario senza coalizioni forzate che hanno alimentato negli ultimi anni la precarietà politica del paese.

© Riproduzione Riservata
avatar Gabriella De Rosa Sono una linguista specializzata in ambito giuridico. Sono appassionata di comunicazione e informazione. Ho unito i miei studi in lingue applicate alla comunicazione internazionale e la mia passione per l'ambito giuridico e politico, poiché credo fortemente in una partecipazione attiva del cittadino alla politica attraverso una comprensione del diritto e del linguaggio istituzionale. Rendere il linguaggio giuridico più chiaro è un dovere democratico. La mia formazione post-lauream mi ha portato ad uno stage negli uffici di Legal drafting e Affari Internazionali del Senato della Repubblica. Da lì ho approfondito i miei studi sul linguaggio politico e il fondamentale rapporto tra politica e comunicazione. Leggi tutto