Giornata internazionale del Mar Mediterraneo: frasi e citazioni

Carolina Campanile 8 Luglio 2020

Il giorno 8 luglio, quando si celebra la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo, frasi, citazioni, aforismi ed immagini servono a far capire le origini e il significato dell'International day of the Mediterranean Sea.

Il mare nostrum è da sempre percorso dai popoli per scambiare merci e culture, favorendo le contaminazioni e la nascita di civiltà immortali. Queste acque hanno assistito a conquiste e colonizzazioni, migrazioni e anche morti. Per i romani era la dimostrazione più evidente del loro potere. Ma esso è anche considerato uno dei biodiversity hotspots mondiali. Ossia una delle regioni con il maggior numero di specie viventi. Esso ospita infatti il 7,5% delle specie marine mondiali. Ancora oggi continua a rappresentare un’enorme ricchezza, che tuttavia è messa a rischio da numerosi fattori. Una cosa che preoccupa è, ad esempio, l’innalzamento del mare. Si stima infatti che entro fine secolo arriverà a 1,035 metri, con chilometri di spiagge che rischiano di essere sommersi. Nasce così la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo, che ha molteplice scopo. Continuiamo ad abbattere foreste, inquinare fiumi e mari, e sarà la fine, scrisse Hubbard.

Scopri ora le origini e il significato della Giornata internazionale del Mar Mediterraneo del giorno 8 luglio, e le migliori frasi e citazioni da condividere in occasione dell’International day of the Mediterranean Sea.

Origini Giornata internazionale del Mar Mediterraneo: perché il giorno 8 luglio e significato

Istituita nel 2014, ogni anno il giorno 8 luglio si celebra la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo. La ricorrenza nasce con molteplici scopi, uno dei quali è ricordare tutte le vite che il mare nostrum ha spezzato. Dai marinai fino ai migranti che ogni giorno affrontano un viaggio in cerca di una vita migliore. Culla della civiltà sin dai tempi antichi, oggi è definito il cimitero più grande d’Europa. Ogni anno sono circa 600 le vittime il cui corpo viene restituto dal Mediterraneo. La maggior parte dei migranti viene da Paesi dell’Africa settentrionale e sub-sahariana. Parliamo quindi della Tunisia, prima fra tutte, della Nigeria, Guinea, Costa d’Avorio, Senegal, e così via. Tuttavia non bisogna dimenticare i marinai, costretti a partire per lavoro e a stare lontani dalla famiglia anche per mesi o anni. La celebrazione è promossa da Earth Day Italia, Ancislink (International No-Profit Association) e Asc-Coni (Attività Sportive Confederate).

La Giornata Mondiale del Mediterraneo inoltre può contare sul supporto della Marina Militare Italiana. Con gli anni l’International day of the Mediterranean Sea è cresciuto sempre di più. Questo anche grazie alle iniziative di solidarietà verso i migranti, le attività sportive e culturali e le conferenze. Inizia così il progetto, consolidato poi a livello internazionale, di Un mare di pace. Ma la ricorrenza ha, come abbiamo precedentemente detto, altri scopi e significati. Nasce infatti anche con l’intenzione di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’ambiente che ci circonda. E sullo sfruttamento senza sosta, disumano e completamente disinteressato delle risorse naturali. In occasione della giornata del Mediterraneo il Presidente dell’Earth Day Italia ha tenuto un discorso importante. Ha sottolineato come all’origine delle povertà, guerre e migrazioni che ne conseguono, c’è lo sfruttamento malsano delle risorse del pianeta. Da parte di una minoranza di persone, a scapito dei più deboli. 

International day of the Mediterranean Sea: storia

Nata in tempi recenti, scopriamo ora quali sono gli altri scopi della Giornata internazionale del Mar Mediterraneo. Parliamo quindi di mantenere alta l’attenzione mondiale sui problemi geo-politici di queste aree. I principali sono tre: inquinamento, sfruttamento ittico e cambiamento climatico. L’inquinamento da plastica rappresenta uno dei più gravi inquinamenti nelle zone marine. Secondo una stima entro il 2025 negli oceani sarà presente una tonnellata di plastica ogni tre tonnellate di pesci. Riferendoci al Mediterraneo la situazione diventa ancora più preoccupante e grave. Pariamo infatti di un bacino chiuso, i cui scambi sono ridotti all’Oceano Atlantico. In questo mare la presenza di plastica è pari al 95%, con oltre 1,25 milioni di frammenti per chilometro quadrato. Secondo il WWF nel mare nostrum vengono gettate 33mila bottigliette di plastica al minuto. Una cifra di per sé enorme, destinata a quadruplicarsi entro il 2050.

Passiamo al problema dello sfruttamento ittico, che sempre più mette a rischio la biodiversità. Secondo la FAO si tratta della zona più sfruttata al mondo, con una domanda in continuo aumento. Ne consegue un collasso di oltre il 62% degli stock ittici. La specie che più ne risente è il nasello europeo, con oltre 230 mila tonnellate di pesce scartata all’anno. Ma non finisce qui: nelle reti spesso finiscono accidentalmente anche specie in via d’estinzione come la tartarughe. Altro fattore di rischio è il cambiamento climatico. A tal proposito sono stati condotti vari studi dal WWF in collaborazione con le Università britanniche ed australiane. Dallo studio emerge che un aumento di 2° della temperatura globale, massimo consentito dall’Accordi di Parigi, metterebbe a rischio quasi il 30% delle specie. Altra causa del riscaldamento globale è l’aumento del livello del mare, che potrebbe portare alla scomparsa di migliaia di chilometri di coste.

Citazioni per la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo: frasi

Le migliori frasi per la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo del giorno 8 luglio, citazioni famose sul mare e aforismi per l’International day of the Mediterranean Sea.

  • Spesso alzo la testa e guardo mio fratello, l’Oceano, con amicizia. Esso raggiunge l’infinito, ma so che anche lui cozza dappertutto contro i propri limiti. Ed ecco il perché, senza dubbio, di questo tumulto, di questo fracasso. – Romain Gary
  • D’estate le mani del vento muovono invisibili fili nell’aria, che uniscono le onde, i capelli, i pensieri. – Fabrizio Caramagna
  • Quando i miei pensieri sono ansiosi, inquieti e cattivi, vado in riva al mare. Lui li annega e li manda via con i suoi grandi suoni larghi, li purifica con il suo rumore. E impone un ritmo su tutto ciò che in me è disorientato e confuso. – Rainer Maria Rilke
  • Al mare la vita è differente. Non si vive di ora in ora ma secondo l’attimo. Viviamo in base alle correnti, ci regoliamo sulle maree e seguiamo il corso del sole. – Sandy Gingras
  • I tre grandi suoni elementari in natura sono il rumore della pioggia, il rumore del vento in un bosco selvaggio e il suono delle onde che si frangono su una spiaggia. Li ho sentiti, e delle tre voci elementari, e l’ultima è la più incredibile, bella e varia. – Henry Beston
  • Poche persone sono capaci di venirti a cercare dove sei veramente. Per questo amo il suono delle onde. Loro sanno sempre dove sei. – Fabrizio Caramagna
  • Basterebbe spegnere il proprio telefono, guidare fino alla spiaggia, dimenticare tutto e ascoltare semplicemente il rumore delle onde che si infrangono a riva. – Anonimo
Evento del giorno: Giornata internazionale del Mar Mediterraneo
Da sempre fonte di cibo e ricchezza, opportunità di scambi di bene e di culture, oggi il Mediterraneo non sta passando un buon momento. Come del resto tutti gli altri mari, fiumi ed oceani. I problemi sono vari, dall'inquinamento di plastica all'innalzamento dei mari. Straordinaria rete di connessioni, oggi è anche scenario di numerose morti quotidiane. Sono i marinai, costretti ad uscire, ma anche i migranti che affrontano il cosiddetto viaggio della speranza verso un futuro migliore. Così nasce la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo, in segno di ricordo e di sensibilizzazione verso ciò che ci potrebbe aspettare in futuro se l'intera popolazione mondiale non cambia atteggiamento verso un modello di vita sostenibile.
Nome EventoGiornata internazionale del Mar Mediterraneo
Data istituzione08/07/2014
Data ricorrenza08/07/2020
Origine e significatoNasce per commemorare i migranti che hanno perso la vita in mare.
ScopoAltro scopo è quello di sensibilizzare sui problemi dell'inquinamento da plastica e della pesca illegale e sconsiderata.
Evento del giorno: Giornata internazionale del Mar Mediterraneo
Da sempre fonte di cibo e ricchezza, opportunità di scambi di bene e di culture, oggi il Mediterraneo non sta passando un buon momento. Come del resto tutti gli altri mari, fiumi ed oceani. I problemi sono vari, dall'inquinamento di plastica all'innalzamento dei mari. Straordinaria rete di connessioni, oggi è anche scenario di numerose morti quotidiane. Sono i marinai, costretti ad uscire, ma anche i migranti che affrontano il cosiddetto viaggio della speranza verso un futuro migliore. Così nasce la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo, in segno di ricordo e di sensibilizzazione verso ciò che ci potrebbe aspettare in futuro se l'intera popolazione mondiale non cambia atteggiamento verso un modello di vita sostenibile.
Nome EventoGiornata internazionale del Mar Mediterraneo
Data istituzione08/07/2014
Data ricorrenza08/07/2020
Origine e significatoNasce per commemorare i migranti che hanno perso la vita in mare.
ScopoAltro scopo è quello di sensibilizzare sui problemi dell'inquinamento da plastica e della pesca illegale e sconsiderata.
© Riproduzione Riservata
avatar Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto