Giornata internazionale delle persone anziane: frasi e citazioni

Carolina Campanile 1 Ottobre 2020

Il giorno 1 ottobre, quando si festeggia la giornata internazionale delle persone anziane, frasi, citazioni, aforismi e immagini servono a far capire le origini e il significato dell'International day of older people.

L’età anziana è stata vista e vissuta in vari modi. Prima era esaltata e vista come sinonimo di saggezza, sapienza e capacità di gestire. Oggi qualcosa sta cambiando, e non lascia presagire nulla di buono. Ecco perchè la necessità di istituire, anche, una Giornata internazionale delle persone anziane. Quasi i due terzi delle persone anziane vivono in Paesi in via di sviluppo, e sono ancora largamente escluse dai programmi di sviluppo. Persone vulnerabili che, anziché ricevere supporto, devono affrontare discriminazioni e luoghi comuni.

E’ quello che viene definito ageismo. Risulta così importante, ed urgente, prendere in considerazione anche i bisogni della Terza Età. L’obiettivo è infatti combattere le disuguaglianze legate a questa fascia d’età. L’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e i suoi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile diffondono il messaggio di uno sviluppo che sarà possibile solo se inclusivo di tutte le età. Nasce così la Giornata internazionale delle persone anziane, che si pone dei traguardi ben definiti.

Innanzitutto far capire che invecchiare non è sinonimo di perdita di dignità, e nemmeno di perdita dei diritti fondamentali di ogni essere umano. Promuovere quindi i diritti delle persone anziane che, come leggerete più avanti, hanno appunto una serie di diritti potremmo dire personali. Aumentare la consapevolezza della società globale sul problema dell’esistenza delle disuguaglianze legate all’età. E ancora, riconoscere che queste persone sono una risorsa per la società, e che possono contribuire in maniera significativa per il suo sviluppo. L’invecchiamento della popolazione avrà sicuramente profonde implicazioni. Dall’economia ai mercati del lavoro, fino all’assistenza sanitaria. A confermarcelo è la stessa Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Risulta pertanto necessario promuovere una riflessione sulle possibili strategie da adottare per eliminare tutte le disuguaglianze.

Origini Giornata internazionale delle persone anziane: perché si celebra il giorno 1 ottobre

Ogni anno il giorno 1 ottobre si celebra la Giornata internazionale delle persone anziane. Istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 14 dicembre 1990, è approvata grazie alla Risoluzione 45/106. Già alcuni decenni prima della sua istituzione era ben evidente la questione dell’invecchiamento della popolazione mondiale. Risultava quindi necessario pensare delle leggi ad hoc, anche per un miglioramento delle condizioni di vita e dell’assistenza medica.

L’International day of older people, o Giornata mondiale delle persone anziane, nasce a seguito di alcune iniziative, come ad esempio il Piano d’azione internazionale sull’invecchiamento. Quest’ultimo è approvato durante un’assemblea mondiale tenutasi a Vienna nel 1982. Nel 2002 a Madrid si tiene invece la seconda Assemblea mondiale sull’invecchiamento. Viene adottato un nuovo Piano d’azione, con lo scopo di rispondere alle nuove sfide dell’invecchiamento della popolazione nel XXI. Un passaggio della Risoluzione invita esplicitamente a riconoscere che gli anziani sono un patrimonio della società e possono contribuire significativamente al processo di sviluppo.

Altro scopo della ricorrenza è promuovere lo sviluppo di una società accogliente per tutte le età. Si presenta così come un’occasione per approfondire il dibattito politico, nonché istituzionale, su quelli che sono i bisogni delle persone anziane. Nella speranza di sensibilizzare l’opinione pubblica, tra i bisogni è inclusa l’integrazione nella società. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), grazie all’odierna tecnologia, lancia una serie di strumenti per la cura degli anziani. Citiamo ad esempio l’applicazione WHO ICOPE Handbook, con la quale gli operatori socio-sanitari possono osservare il processo di screening in maniera interattiva. Negli ultimi anni sono i passi avanti sono stati veramente tanti; tra le problematiche prese in considerazione troviamo l’emergenza delle pensioni non contributive in alcuni Paesi in via di sviluppo. Tuttavia alcune cose persistono, come la discriminazione e l’esclusione sociale. La Giornata internazionale delle persone anziane è l’occasione migliore per porre fine a questi comportamenti insensati.

International day of older people: storia e significato data

Nel mondo possiamo contare circa un miliardo di persone che hanno già compiuto 60 anni. Le previsione indicano un aumento del 40-50% entro il 2030, arrivando così a superare il numero di adolescenti e bambini al di sotto dei 10 anni. Addirittura le persone dagli 80 anni in su dovrebbero triplicare entro il 2050. Queste tendenze avranno sicuramente delle conseguenze non solo sui Paesi, ma sugli stessi cittadini.

Il Segretario generale dell’ONU invita così tutti noi ad impegnarci per rimuovere quelle barriere che ancora impediscono agli anziani di vivere appieno la vita sociale. Dalle infrastrutture ai sistemi di mobilità, fino ai consumi. Tutto dovrà essere adeguato per proteggere i loro diritti e la loro dignità di persone. Tra gli obiettivi della Giornata internazionale delle persone anziane vi è quello di eliminare, una vota per tutte, quegli stereotipi negativi che si hanno sull’anzianità. Non esiste un prototipo di persona anziana, afferma un Report dell’OMS.

Ci sono ottantenni con capacità mentali e fisiche paragonabili a quelle di molti ventenni. Così come ci sono sessantenni che richiedono assistenza anche per le attività basilari. Differenze che non sono casuali, in quanto la salute di queste persone e le loro capacità sono il risultato degli eventi che hanno caratterizzato la loro vita. Gli ultimi dati sulla condizioni sociale ed economica ci mostrano una realtà di disagio e di solitudine. Siamo senza dubbio il Paese dove si vive più a lungo, ma le condizioni sono sempre più disastrose. Nel 1990 le Nazioni Unite sancivano in 18 articoli quelli che erano i diritti delle persone anziane. Dalla partecipazione alla vita sociale e politica alle cure,  per dare loro un’anzianità dignitosa. Tuttavia sembra che queste persone siano finite nel dimenticatoio. Non ci resta che sperare in politiche più inclusive in occasione della Giornata internazionale delle persone anziane.

Citazioni per la Giornata internazionale delle persone anziane: frasi

Le migliori frasi per la Giornata internazionale delle persone anziane del giorno 1 ottobre, citazioni famose e aforismi sulla vecchiaia da condividere per l’International day of older people.

  • Ho perso un po’ la vista, molto l’udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent’anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente. – Rita-Levi Montalcini
  • Un vecchio che muore è una biblioteca che brucia. – Proverbio africano
  • Saper invecchiare significa saper trovare un accordo decente tra il tuo volto di vecchio e il tuo cuore e cervello di giovane. – Ugo Ojetti
  • La vecchiaia non è così male se considerate le alternative. – Maurice Chevalier, New York Times
  • In gioventù le giornate sono brevi e gli anni sono lunghi; nella vecchiaia gli anni sono brevi e le giornate sono lunghe. – Nikita Panin Ivanovich
  • La vecchiaia è la vita al rallentatore. Per questo, gli anziani vedono meglio. – Theodor Codreanu
  • Dicono che la vecchiaia è l’età del tramonto. Ma ci sono tramonti che tutti si fermano a guardare. – Anonimo
  • Ci sono due maniere di invecchiare: lo spirito vince sulla carne, o la carne vince sullo spirito. – Paul Claudel
  • “Io avanzo verso l’inverno a forza di primavere” scriveva il principe Charles De Ligne. Questo è il segreto di una vecchiaia felice. – Etienne de Blois
  • Mai perdere di vista il fatto che i vecchi hanno bisogno di poco, ma di quel poco hanno tanto bisogno. – Margaret Willour
  • Le rughe della vecchiaia formano le più belle scritture della vita, quelle sulle quali i bambini imparano a leggere i loro sogni. – Marc Levy
Evento del giorno: Giornata internazionale delle persone anziane
Istituita nel 1990, la Giornata si pone degli obiettivi ben precisi.Far capire che invecchiare non è sinonimo di perdita di dignità, né dei diritti fondamentali dell'uomo. Aumentare la consapevolezza della società globale sul problema dell'esistenza delle disuguaglianze legate all'età. E ancora, riconoscere che queste persone sono una risorsa per la società, e che possono contribuire in maniera significativa per il suo sviluppo.
Nome EventoGiornata internazionale delle persone anziane
Data istituzione14/12/1990
Data ricorrenza01/10/2020
Origine e significatoLa giornata è istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite, da sempre impegnata nella diffusione di temi così importanti
Evento del giorno: Giornata internazionale delle persone anziane
Istituita nel 1990, la Giornata si pone degli obiettivi ben precisi.Far capire che invecchiare non è sinonimo di perdita di dignità, né dei diritti fondamentali dell'uomo. Aumentare la consapevolezza della società globale sul problema dell'esistenza delle disuguaglianze legate all'età. E ancora, riconoscere che queste persone sono una risorsa per la società, e che possono contribuire in maniera significativa per il suo sviluppo.
Nome EventoGiornata internazionale delle persone anziane
Data istituzione14/12/1990
Data ricorrenza01/10/2020
Origine e significatoLa giornata è istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite, da sempre impegnata nella diffusione di temi così importanti
© Riproduzione Riservata
avatar Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto