• Bruzzone
  • Gelisio
  • Napolitani
  • Cocchi
  • Valorzi
  • Tassone
  • Falco
  • Cacciatore
  • Buzzatti
  • Ward
  • Santaniello
  • Romano
  • Quarta
  • De Luca
  • Meoli
  • Coniglio
  • De Leo
  • Miraglia
  • di Geso
  • Baietti
  • Bonetti
  • Romano
  • Liguori
  • Paleari
  • Catizone
  • Chelini
  • Rossetto
  • Gnudi
  • Carfagna
  • Mazzone
  • Quaglia
  • Boschetti
  • Bonanni
  • Grassotti
  • Alemanno
  • Crepet
  • Leone
  • Pasquino
  • Barnaba
  • Dalia
  • Califano
  • Andreotti
  • Scorza
  • Algeri
  • Casciello
  • Rinaldi

App IO: cos’è, a cosa serve e come funziona, download e utilizzo

Martina Sapio 28 Dicembre 2020
M. S.
13/06/2021

Spiegazione app IO: cos'è a cosa serve e come funziona, quanto è sicura e quali dati usa, come si fa il download per IOS e Android e come registrarsi.

Con IO puoi interagire con diverse Pubbliche Amministrazioni italiane, locali o nazionali. A cosa serve?  Raccoglie comunicazioni e pagamenti, perché potrai:

  • ricevere tutte le comunicazioni dagli enti pubblici, locali o nazionali;
  • ricordare e gestire le tue scadenze verso la Pubblica Amministrazione
  • ricevere avvisi di pagamento, e pagare servizi e tributi dall’app
  • tenere traccia dei tuoi pagamenti verso la Pubblica Amministrazione

Puoi effettuare il download daPlay Store Google o l’App Store Apple. Puoi accedere agli Store direttamente dalla home page del portale web io.italia.it. Vediamo nel dettaglio come funziona app IO e come entrare e come usufruire dei servizi del Governo pensati per il cittadino. Serve per l’effettuazione del Cashback l’app IO, il bonus vacanze si ottiene facilmente proprio con la registrazione a questa applicazione.

Ecco una semplice guida per capire come si scarica correttamente, come si fa il download su pc o sul telefono cellulare. Oppure se è necessaria l’identità elettronica SPID.

Cos’è App Io: a cosa serve, come funziona e quanto è sicura l’applicazione  iOS e Android

Le domande frequenti sono cos’è, a cosa serve e come funziona. Cerchiamo di fare chiarezza con parole semplici.

La IO serve in sé come portale digitale della Pubblica Amministrazione. Tramite questa piattaforma è infatti possibile per la PA comunicare più velocemente con i cittadini, specialmente per situazioni che li riguardano.

Molti cittadini si chiedono come accedere all’app IO come entrare nell’applicazione e vedere a cosa serve. È semplicissimo seguire questi passaggi. Basta, per registrarsi e per entrare nel proprio profilo, lo SPID. Lo SPID è l’identità elettronica della Pubblica Amministrazione, che tutti possono richiedere e che permette l’accesso a quasi tutti i servizi online dello stato italiano.

Una volta registrati (nel caso specifico del Cashback) bisognerà inserire nell’applicazione l’IBAN, dove verrà accreditato il rimborso delle spese. Insieme a questo anche la carta con la quale si compiono gli acquisti, di modo che questi possano essere registrati.

Ad onor del vero, numerose sono le segnalazioni che l’app IO non funziona, o funziona male. Alcuni cittadini hanno avuto difficoltà ad inserire le carte, altri a registrarsi. Sembra però che questi malfunzionamenti siano per essere corretti, e in ogni caso le difficoltà che si possono riscontrare non pregiudicano il generale buon funzionamento dell’applicazione.

Download IO Ios e Android: come scaricarla in modo corretto

La domanda di gran lunga più posta è stata come si effettua il download dell’app IO, come  accedere e dove poterla scaricare. Analizziamo meglio questi aspetti.

La piattaforma si trova, al momento, a disposizione negli store degli smartphone e dei tablet. Quindi Play Store per i sistemi Android (solitamente, i telefoni Samsung) e lo Store per il sistema IOS (installato di default). È gratuita (quindi diffidate delle applicazioni con lo stesso nome a pagamento) e non richiede alcuna installazione aggiuntiva per poter funzionare. I cittadini interessati possono anche solo cercare su Google App IO download, e poi aprire i primi risultati di ricerca che solitamente rimandano agli Store già preinstallati sui dispositivi elettronici.

Molti si sono chiesti se fosse disponibile un download App IO per pc. La risposta semplice è, al momento, no. Trattandosi di una piattaforma ideata per la velocità e la disponibilità, al momento non esiste né un sito internet né un estensione per computer fissi e laptop.

Un modo per poterla utilizzare su questi dispositivi sarebbe scaricare un emulatore. Un emulatore è in parole povere un programma che permette di riprodurre su pc alcune applicazioni originariamente previste per il telefono o il tablet, ma si tratta comunque di nient’altro che una trasposizione.

Al momento, quindi, non c’è la possibilità di scaricare questo strumento sul personal computer. Non si sa ancora se questa è una possibilità per il futuro o se il Ministero prevede un suo uso permanente solo sui dispositivi portatili.

Utilizzo Applicazione IO dei servizi pubblici locali e nazionali

L’applicazione è stata progettata non solo per il cashback, ma per i servizi locali e generali della PA.

Le funzionalità dello strumento elettronico sono sintetizzabili in tre punti fondamentali. Messaggistica, per ricevere tutte le comunicazioni (messaggi, avvisi, comunicazioni) da qualunque ente pubblico. Ma anche restare aggiornati sulle scadenze e aggiungere un promemoria direttamente sul calendario personale. Pagamenti, per effettuare pagamenti verso tutti gli enti della pubblica amministrazione attraverso PagoPA. In questa categoria rientra anche la possibilità del Cashback. Infine, documenti, per ricercare e consultare direttamente sul proprio smartphone i documenti personali, le ricevute, i certificati.

Il Ministero dell’innovazione ha quindi pensato questo strumento come a più livelli. Originariamente diffusa solo in alcune zone del nord Italia, è ad oggi disponibile in tutta la penisola. Funziona a livello locale (cioè comunale, per questioni legate ai nidi, refezione scolastica, multe), regionale e nazionale, permettendo ai cittadini di accedere più velocemente ai servizi dell’Agenzia delle Entrate, per esempio, o dell’INPS.

L’applicazione è, quindi, lo strumento pensato per abilitare la cittadinanza digitale, fornendo al cittadino un collegamento diretto (attraverso lo smartphone) con i servizi e le comunicazioni della Pubblica Amministrazione, un punto di accesso unico per l’erogazione e la fruizione dei servizi pubblici.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Martina Sapio Studentessa di Giurisprudenza alla Federico II di Napoli, scrivo per la sezione Attualità e vedo nel giornalismo il modo migliore di mettere in pratica le mie conoscenze. Ho sempre amato scrivere così come ho sempre amato informarmi sul mondo che mi circonda, sul suo modo di cambiare e di evolversi. Per questo ho deciso di iniziare ad esplorare questo mondo. Capire da quali meccanismi è mossa la nostra società. Mi interesso in particolar modo di politica e di tematiche economiche, sia di carattere nazionale che internazionale, di come queste costanti influenzino tutti noi. Nello scrivere cerco di essere quanto più diretta e chiara possibile: un lavoro di ricerca e di rifinitura che ha come obiettivo la sola, vera informazione. Leggi tutto