Bardana: proprietà, caratteristiche, controindicazioni e come usarla

Bruna Esposto 15 Dicembre 2020

Cos'è la bardana: proprietà curative e benefici, controindicazioni ed effetti collaterali, quando e come assumerla in cucina, dove comprarla e come conservarla.

Decotto, tisana, infuso o sotto forma di capsule, compresse, integratore, tintura madre e olio essenziale, gli effetti positivi e proprietà della bardana sulla salute la rendono un fidato alleato naturale per il sistema immunitario. Considerata preziosa per i suoi innumerevoli effetti benefici, in particolare ha proprietà battericide e antinfiammatorie, aiuta contro i malanni di stagione.

Agisce sul mal di gola, raffreddore, pressione alta, cistite e tumori, ma non solo. Nota come pianta dermopatica è utilizzata per la cura delle principali affezioni cutanee della pelle (psoriasi, acne, dermatiti, eczema) e tante altre patologie legate a disordini metabolici e biologici. In particolare in presenza di pelli miste e grasse con impurità, acne e pori dilatati è fortemente consigliato l’uso di integratori di bardana per proprietà sebo-regolatrici, purificanti e astringenti. Favoriscono i processi fisiologici di ricambio idrolipidico per il mantenimento del benessere cutaneo.

Questa pianta dall’interno esplica un’attività detossinante, drenante e purificatrice delle vie epatobiliari e del sangue. Ha proprietà ipoglicemizzanti ed ipocolesterolemizzanti. È utilizzata anche per depurare il fegato dopo le feste più in generale eliminare le tossine da tutto l’organismo.

Grazie alle sue proprietà terapeutiche e al suo gusto amarognolo viene utilizzata in cucina per preparare molti primi e secondi piatti. Le radici sono utilizzate in zuppe e stufati, le foglie sono commestibili e possono essere preparate come gli spinaci. Tra le ricette più “famose”: radici fritte, kimpira, crocchette e risotto con castagne.

Ma vediamo insieme a cosa serve, la dose giornaliera consigliata, come conservare e come coltivare in vaso sul balcone.

Proprietà Bardana, valori nutrizionali, composizione, come e dove trovarla o comprarla

Per capire a cosa serve la bardana per pelle, capelli e salute, occorre analizzare tutte le caratteristiche botaniche e proprietà benefiche di questa meravigliosa pianta officinale.

Arctium lappa L. è una specie appartenente alla famiglia delle Asteraceae, originaria delle regioni temperate eurasiatiche. Questa spezia è nota sin dall’antichità per le sue proprietà depurative, drenanti e come rimedio di molti disturbi a carico della pelle. I principi attivi contenuti nella radice fresca, ma anche in tutta la pianta hanno un effetto antiossidante, antinfiammatorio, antimicotico, antibatterico, antibiotico e antitumorale.

A chi ci domanda se la bardana fa dimagrire rispondiamo di si. Ha un effetto drenante contro la ritenzione idrica e aiuta a controllare gli zuccheri nel sangue.

Il rizoma è la parte della pianta più utilizzata, ma spesso vengono usate anche le foglie. La si può acquistare in erboristeria, sotto forma di:

  • Infuso: preparato triturando 4 gr di radice in 100ml di acqua, come diuretico e depurativo;
  • Tintura vinosa: preparata triturando 4 gr di radice in 100 ml di vino bianco, lasciandola macerare per 5 giorni. Da utilizzare come diuretico o depurativo;
  • Integratori alimentari / Capsule: realizzate con il rizoma essiccato in polvere;
  • Succo di foglie fresche: per uso esterno, usato per i capelli grassi;
  • Decotto: per uso esterno contro acne, foruncolosi, eczema e varici. Far bollire per 10 minuti 10gr di radice fresca in 100 ml di acqua;
  • Olio essenziale: per uso esterno;

Ma vediamo quali sono le proprietà e valori nutrizionali ed essenzialmente quante calorie sono contenute in 100 gr di radice fresca: con le sue 70 calorie contiene 17 g di carboidrati, 1,5 g di proteine, 3,3 g di fibre e 0,2 g di grassi. È ricco di vitamina A, B, C, E e di sali minerali, quali potassio, magnesio, calcio, ferro e fosforo.

Come coltivarla e come conservarla fresca

La pianta, chiamata anche lappola, grazie alle sue caratteristiche botaniche, è facile da coltivare in Italia, che sia in giardino o in appartamento in vaso non necessita di cure assidue. È una pianta biennale e può arrivare fino ad 2 metri di altezza, consentendo di godere delle proprietà della bardana in moglie tutto l’anno.

Ama luoghi soleggiati e va innaffiata solo nei periodi più secchi. Predilige terreni umidi, ricchi di sostanza organica. La coltivazione viene eseguita da semi. Questi sono poi posti in un semenzaio protetto alla fine dell’inverno. Dopo circa 2 mesi si avranno le prime piantine, che andranno messe a dimora solo dopo aver emesso la quarta fogliolina.

La conservazione della radice e delle foglie non è un processo complicato. Le foglie, raccolte in primavera, si fanno essiccare all’ombra in zone arieggiate, per poi essere conservate in sacchetti di carta o tela. Le radici, raccolte in autunno, vanno tagliate a strisce o a rondelle spesse 1-1,5 cm e si lasciano essiccare al sole, per poi conservarle all’interno di recipienti di vetro.

Controindicazioni bardana, quando e chi non deve usarla

Nonostante le proprietà della bardana ed i vantaggi che l’uso di foglie, pianta e radice apportano all’organismo, un consumo eccessivo e prolungato può produrre controindicazioni ed effetti collaterali.

Ma quanto rizoma si può mangiare giornalmente? Come alimento, la bardana è considerata sicura. Per quel che riguarda le dosi medicinali degli estratti, non ci sono informazioni sufficienti a stabilirne la sicurezza, in quanto può variare fra un individuo e l’altro, anche in funzione del tipo di disturbo da trattare. Pertanto è consigliabile sempre consultare il medico curante!

È sconsigliata l’assunzione in caso di gravidanza e allattamento, oppure in caso di allergia verso uno o più componenti che lo costituiscono. Inoltre, possono insorgere controindicazioni con medicinali.

Infatti l’assunzione può interagire con alcuni farmaci e integratori, questo perché il rizoma fluidifica il sangue, infatti è fortemente sconsigliata l’assunzione se si fa uso di farmaci per i diabetici, antinfiammatori e anticoagulanti e in presenza di disturbi emorragici o emorroidi.

© Riproduzione Riservata
avatar Bruna Esposto Sono una naturalista con la passione per la scrittura.Nel 2015 ha deciso di aprire un blog che le permettesse di unire la passione per la natura e la fotografia con la sua esigenza di raccontare e raccontarsi.Dal 2017 grazie al suo blog e al suo profilo instagram ha lavorato come Influencer marketing e content creator collaborando con oltre 100 brand in tutto il mondo, realizzando per loro articoli e fotografie.Grazie ai contatti su instagram ha potuto collaborare con giornali online. Questa esperienza è stata fondamentale in quanto l’ha spronata a migliorarsi e ad approfondire le tematiche relative alla Seo, l’html e Wordpress. Leggi tutto