Zenzero: proprietà, caratteristiche, controindicazioni e come usarlo

Bruna Esposto 25 Novembre 2020

Cos'è lo Zenzero: proprietà curative e benefici, controindicazioni e effetti collaterali, quando e come assumerlo in cucina, dove acquistarlo e come conservarlo fresco.

 

Candito o infuso con il limone, la cannella, il miele o la curcuma, gli effetti benefici dello zenzero sulla salute superano di gran lunga gli effetti collaterali e le controindicazioni.

Fidato alleato del sistema immunitario contro i malanni di stagione, si trova in commercio disidratato, in polvere, fresco o come integratore alimentare. Considerato un “superfood” grazie alle sue proprietà è in grado di calmare il mal di gola, nausea, tosse e dolori mestruali, ma non solo. Infatti è da sempre considerato nella medicina tradizionale cinese un rimedio naturale per diverse problematiche. Reputato, inoltre, l’alimento “sciogli grasso” per eccellenza, è ormai parte integrante della cultura occidentale.

Vediamo insieme a cosa serve, la dose giornaliera consigliata, come conservare, come si usa lo zenzero e come coltivarlo in vaso sul balcone. Una radice che come il curcuma, non dovrebbe mai mancare nella corretta alimentazione.

La radice di zenzero è stata utilizzata nelle culture cinese e indiana sin dai tempi antichi. Il suo sapore tipicamente dolce, ma allo stesso tempo piccante, è molto versatile, con molti usi che vanno dalla cucina asiatica alla pasticceria. Poiché la porzione della pianta utilizzata è la sua radice, la classificazione dello zenzero come frutto o verdura non è immediata. Le verdure vengono raggruppate in base a quale porzione della pianta sono, ad esempio le carote sono radici. I frutti, d’altra parte, sono l’organo riproduttivo maturo di una pianta in fiore, spesso contenente semi. Quindi per definizione lo zenzero è considerato un vegetale, e quindi una verdura.

Proprietà dello zenzero: caratteristiche, benefici dimagranti e antinfiammatori e principi attivi

Per capire a cosa serve lo zenzero per la salute, occorre analizzare tutte le caratteristiche botaniche e proprietà benefiche di questa meravigliosa pianta officinale.

Zingiber officinale è una specie erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, originaria dell’Asia, è diffusamente coltivata in tutte le regioni tropicali.

Questa spezia è nota sin dall’antichità. Dioscoride, botanico e medico greco vissuto nella Roma imperiale sotto Nerone, nel suo “De Materia Medica” ne esalta le proprietà stimolanti per lo stomaco e l’intestino. Infatti, i principi attivi contenuti nella radice fresca ( olio essenziale-zingiberene, gingeroli, gingerina, zingerone, resine mucillagini) hanno un effetto analgesico, antidolorifico, antinfiammatorio, antibiotico e antitumorale.

Migliora la digestione contrastando l’accumulo di tossine e la fermentazione batterica, rilassa i muscoli gastrointestinali e previene la formazione di gas e di gonfiori. Utile anche contro l’alitosi aiuta il sistema immunitario contro i malanni stagionali. Infatti viene utilizzato per la prevenzione e il trattamento del raffreddore, in caso di mal di gola e per calmare la tosse. Viene anche largamente utilizzato per alleviare la nausea, mal di testa, calmare i dolori mestruali e, come dimostra un recente studio condotto in Danimarca, per ridurre i dolori artritici e i disturbi reumatici. Previene l’invecchiamento e l’insorgenza di malattie degenerative.

A chi ci domanda se lo zenzero fa dimagrire rispondiamo di si. Ha proprietà dimagranti infatti stimola il metabolismo e aiuta a bruciare i grassi grazie all’aumento della temperatura corporea, abbassa la glicemia e i livelli di colesterolo cattivo (LDL) nel sangue.

Valori nutrizionali e composizione, come e dove acquistarlo

Ecco come usare lo zenzero fresco o disidratato in polvere per la nausea, raffreddore, mal di gola o per dimagrire.

La parte della pianta utilizzata è il rizoma (fusto orizzontale modificato, simile ad una radice) e lo si può acquistare facilmente nei grandi magazzini, farmacie ed erboristerie, sotto forma di:

  • Olio essenziale: per uso esterno, usato per bagni, impacchi, frizioni e lavaggi per distendere i muscoli contratti ad esempio dopo gli allenamenti o per prevenire la forfora e la caduta dei capelli.
  • Tintura madre: viene preparata triturando 20 gr di radice in 100ml di alcool 60°;4
  • Integratori alimentari/Capsule: realizzate con il rizoma essiccato in polvere;
  • Infusi, tisane e tè: far bollire per 5 minuti 1gr di spezia fresca in 100ml di acqua. Questo può essere consumato puro o se lo si desidera può essere aggiunto al succo di un limone per ottenere un’azione dimagrante e sciogli grasso, oppure a tè o tisane;
  • Fresco: ha largo utilizzo in cucina per la preparazione di squisite pietanze.

Ma vediamo quali sono le proprietà e valori nutrizionali ed essenzialmente quante calorie sono contenute in 100 gr di radice fresca: con le sue 80 calorie contiene 18 g di carboidrati, 1,8 g di proteine, 2 g di fibre e 0,8 g di grassi. È ricco di vitamina A, B6 C, e di sali minerali, quali potassio, magnesio, calcio, sodio e ferro.

Controindicazioni Zenzero, quando e chi non deve usarlo

Nonostante i vantaggi che l’uso dello zenzero apporta all’organismo, un consumo eccessivo e prolungato può produrre controindicazioni ed effetti collaterali.

Ma quanto rizoma si può mangiare giornalmente? È  sconsigliato superare i 15 gr giornalieri di radice fresca (3-4 gr in polvere essiccato) in quanto può provocare gastrite e ulcere. In particolare, gli effetti collaterali dovuti ad un uso eccessivo possono essere: bruciore di stomaco, diarrea, può causare gas e gonfiore e portare ad allergia (irritazione alla bocca, alla pelle e agli occhi).

Può essere di grande aiuto nelle donne in gravidanza per ridurre la nausea, ma può portare anche a degli effetti collaterali non graditi. Pertanto è consigliabile consultare il medico curante prima dell’assunzione in caso di gravidanza e allattamento, oppure in caso di allergia verso uno o più componenti che lo costituiscono. Inoltre, possono insorgere controindicazioni con medicinali. Infatti l’assunzione può interagire con alcuni farmaci e integratori, questo perché il rizoma fluidifica il sangue, infatti è fortemente sconsigliata l’assunzione se si fa uso di farmaci per i diabetici, antinfiammatori e anticoagulanti e in presenza di disturbi emorragici o emorroidi.

Come detto in precedenza, fa aumentare i battiti cardiaci, stimola il metabolismo e influisce anche sul sistema circolatorio, pertanto potrebbe peggiorare i sintomi legati al ipertensione arteriosa, aritmia, calcoli alla colecisti e calcoli biliari (stimola la secrezione di bile, fattore che favorisce la digestione).

Quando coltivare lo Zenzero e come conservarlo fresco

La pianta dello zenzero, grazie alle sue caratteristiche botaniche, è facile da coltivare in Italia, che sia in giardino o in appartamento in vaso non necessita di cure assidue. Ha un portamento eretto e può arrivare fino ad un metro di altezza. Nonostante questo, non occupa grande spazio, ogni radice produce poco fogliame che cresce e si infoltisce molto lentamente. Ama luoghi ombreggiati, umidi e caldi.

La coltivazione si esegue con frammenti di rizomi occorre assicurarsi che sia fresco e che abbia piccole gemme. Inoltre, è fondamentale lasciare la radice nell’acqua tutta la notte prima dell’ invasamento. Predilige terreni composti al 50% da compost, che fornisce il nutrimento e trattiene l’umidità, 50% da terreno sabbioso, che assicura un ottimo drenaggio. Il periodo migliore del trapianto in vaso è il tardo inverno/inizio primavera. Va piantato ad una profondità di circa 10 cm, con i germogli di crescita verso l’alto. Ad esempio, un vaso di 35/40 cm di diametro può ospitare fino a tre piante, debitamente distanziate di 15/20 cm. Quando tutte le foglie sono seccate si procede con la raccolta.

La conservazione della radice di zenzero non è un processo complicato, lo si può conservare per alcune settimane avvolgendolo in carta oleata all’interno di un barattolo chiuso ermeticamente. È possibile tenerlo in frigo per ben 3 mesi in un contenitore con del vino bianco secco.

Spezia dall’aroma intenso e dal gusto aggrumato, forte e piccante viene utilizzata nelle cucine di tutto mondo, specialmente per preparare buonissimi dolcetti. Anche la Regina Elisabetta non sa resistere a biscottini speziati serviti al momento del tè.

© Riproduzione Riservata
avatar Bruna Esposto Sono una naturalista con la passione per la scrittura.Nel 2015 ha deciso di aprire un blog che le permettesse di unire la passione per la natura e la fotografia con la sua esigenza di raccontare e raccontarsi.Dal 2017 grazie al suo blog e al suo profilo instagram ha lavorato come Influencer marketing e content creator collaborando con oltre 100 brand in tutto il mondo, realizzando per loro articoli e fotografie.Grazie ai contatti su instagram ha potuto collaborare con giornali online. Questa esperienza è stata fondamentale in quanto l’ha spronata a migliorarsi e ad approfondire le tematiche relative alla Seo, l’html e Wordpress. Leggi tutto