• Scorza
  • Casciello
  • Baietti
  • Dalia
  • Rossetto
  • Barnaba
  • Paleari
  • Quaglia
  • Romano
  • Chelini
  • Leone
  • Pasquino
  • Ferrante
  • De Leo
  • Grassotti
  • Califano
  • Miraglia
  • Bonetti
  • Meoli
  • De Luca
  • Boschetti
  • di Geso
  • Valorzi
  • Rinaldi
  • Carfagna
  • Ward
  • Gnudi
  • Crepet
  • Buzzatti
  • Coniglio
  • Santaniello
  • Quarta
  • Mazzone
  • Falco
  • Bruzzone
  • Napolitani
  • Andreotti
  • Gelisio
  • Liguori
  • Cacciatore
  • Bonanni
  • Algeri
  • Alemanno
  • Cocchi
  • Romano
  • Tassone
  • Catizone

Chi è Palermo de La Casa di Carta: biografia di Rodrigo de la Serna

Antonella Acernese 7 Ottobre 2021
A. A.
19/10/2021

Vero nome Rodrigo de la Serna, chi è Palermo de La Casa di Carta, nome in codice Martin Berrote: biografia attore, età, fisico, altezza, peso, carattere, fidanzata e frasi.



Inizia la sua carriera televisiva nel 1995 nella serie Cibersix.

Nel 2004 debutta al cinema nel film I diari della motocicletta, per il quale vince il premio Silver Condor come migliore attore e all’Independent Spirit Award per la miglior performance di debutto. Riceve anche una nomination ai BAFTA Award come miglior attore non protagonista e ai Golden Globe.

Recita in numerosi altri film e serie tv argentine come Okupas, Sol Negro e Vulnerables. Nel 2014 è  scelto per interpretare Papa Francesco in Chiamatemi Francesco (2016).

Nel 2019 si unisce al cast de La Casa di Carta, insieme ad altri attori come Pedro Alonso nel ruolo di Berlino.

Fa parte anche di una band di tango chiamata” El Yotivenco“. Ma a parlarci di lui non sarà solo il successo della serie Netflix, Palermo de La Casa di Carta chi è oggi, nome, attore, fisico, carattere, fidanzata, patrimonio e vita privata, sarà la sua biografia a rivelarcelo.

Chi è Palermo de La Casa di Carta: biografia, età, altezza, fidanzata e frasi di Rodrigo de la Serna

Per scrivere una biografia di Rodrigo de La Serna e sapere chi è Palermo de La Casa di Carta, Instagram, Facebook e puntate della serie Netflix, ci saranno utili per scoprire età, altezza, peso, patrimonio, origini e fidanzata dell’attore argentino.

Vero nome è Rodrigo de la Serna, nato a Buenos Aires il 18 aprile 1976 sotto il segno zodiacale dell’Ariete, è alto 172 cm ma non conosciamo il suo peso.

Ha capelli corti e castani, occhi azzurri e sguardo serioso. Non ha tatuaggi. Indossa capi d’abbigliamento semplici e causal, come camicie e jeans.

Tra le sue passioni principali vi è il teatro. Difatti fin da giovanissimo si avvicina al mondo della recitazione esibendosi in spettacoli studenteschi. Finito il liceo lavora già come un professionista, realizzando la Bonicleta per bambini e Nosferatu.

Il profilo Instagram di Rodrigo de la Serna è seguito da circa 1,7 milioni di follower. Pubblica locandine e foto promozionali dei suoi lavori televisivi, scatti con i colleghi de La Casa di Carta. Non mancano foto con la compagna, durante viaggi o momenti di vita quotidiana.

Circa le sue origini sappiamo che cresce a Buenos Aires nel quartiere di Belgrano e attualmente vive a Ingeniero Maschwitz. I suoi genitori si chiamano Lionel Rodolfo de la Serna e Liliana Patricia Chevalier. Ha un fratello anche lui attore, di nome Manuel De la Serna. Il suo bisnonno era il secondo cugino della madre di Ernesto ‘Che’ Guevara.

Della sua vita privata sappiamo che è impegnato, la fidanzata di Rodrigo de la Serna è Ludmila Romero dal 2017. I due hanno una figlia Olivia, nata nel 2019 e un figlio Estanislao nel 2020.

Dal 1999 al 2010 è sposato con l’attrice Erica Rivas con la quale ha avuto una figlia, Miranda De la Serna, nata nel 2000, che attualmente lavora come attrice.

Nel 2011 è legato a Soledad Fandino, sua collega di set. Dal 2012 al 2016 è invece fidanzato con Pilar Gamboa conosciuta sul set della miniserie Tiempos Compulsivos.

Titoli di studio, formazione di Rodrigo de la Serna e carriera

Molti lo conoscono come Palermo de La Casa di Carta, ovvero Martin Berrote, Palermo chi è, titoli di studio, formazione e carriera al cinema ed in televisione, non tutti li conoscono. Ripercorriamola dagli esordi.

Nel 1995 inizia la sua carriera televisiva nella serie Cibersix, e successivamente appare in Son o Se Hacen (1997), in Naranja y media (1997) e nella commedia Desesperadas por el Aire (1998) .

Il suo debutto al cinema è con il film El mismo amor, la misma lluvia, nel 1999. Ottiene popolarità con la serie argentina Okupas nel 2000. Parallelamente, lavora in Calientes (2000), al cinema con Nueces para el amor (2000). Successivamente recita in Gallito Ciego (2001) e nella serie Sol negro (2003).

La svolta cinematografica arriva nel 2004 con i Diari della motocicletta, un film biografico sul rivoluzionario Che Guevara, per il quale vince il premio Silver Condor come migliore attore e all’Independent Spirit Award per la miglior performance di debutto. 

Nel 2006 recita nell’acclamato Cronaca di una fuga – Buenos Aires 1977. Nello stesso anno appare nella serie Hermanos y detective, mentre nel 2009 è in El torcan. Successivamente lavora nel film epico Revolución: El cruce de los Andes (2010-2011), poi come protagonista nel film Mía (2011).

Nel 2011, vince il premio Martín Fierro per la sua interpretazione in El Puntero e riceve il Diploma di Merito dei Konex Awards per la sua eccezionale carriera.

E’ scelto nel 2016 come protagonista della miniserie biografica su Jorge Bergoglio (Papa Francesco), intitolata Chiamatemi Francesco. Nel 2018 ha recitato in El Lobista e nella commedia Yucatán al cinema.

Nel 2019 entra ufficialmente nel cast della terza stagione de La Casa di Carta, nel ruolo di Martin Berrote, conosciuto come Palermo, uno dei ladri della banda. Firma anche per la quinta e ultima stagione, uscita nel 2021.

Il personaggio Martín Berrote, chi è Palermo de La Casa di Carta

Se nella vita reale è Rodrigo de la Serna, scopriamo chi è Palermo de La Casa di Carta, il carattere di Martin Berrote, rapporto con Berlino e con il resto della banda.

È un ingegnere complesso e abile. E’ uno degli amici intimi di Berlino, con il quale progetta l’intera operazione del furto alla Zecca di Stato. Prima della seconda rapina vive a Palermo, in Italia, per questo una volta entrato nella banda di ladri prende il nome della città di Palermo.

Tuttavia subentra successivamente, nel corso della terza stagione, richiamato proprio dal Professore per riprendere in mano l’operazione che aveva programmato.

E’ un uomo egocentrico che vuole che tutti facciano quello che dice. Ha bisogno di essere al comando e non tollera di essere fuori controllo. Nonostante non uccida a sangue freddo, non ha paura di colpire coloro che mettono alla prova la sua autorità.

La prima impressione che le persone hanno di lui è quella di una personalità fredda, meschina e indifferente. Ci vuole del tempo per rendersi conto che questa è solo la facciata che si è costruito per non farsi male.

E’ innamorato segretamente di Berlino, suo amico intimo da oltre 10 anni.

Citazioni e frasi di Martín Berrote de La Casa di Carta

Non solo per il successo nei film e serie tv Netflix in cui veste i panni di Martin Berrote, chi è Palermo de La Casa di Carta, lo scopriamo anche per le sue frasi, per i discorsi con Berlino e Il Professore, per il suo carattere egocentrico e sicuro di sé.

Ecco alcune citazioni di Martin Berrote:

  • L’unica verità è la realtà.
  • Il vero caos, mio caro Sergio, non fa rumore.
  • Il dolore è un usuraio. Se contrai un debito con lui, non lo ripaghi mai più.
  • Il sesso femminile è condizionato dalla procreazione. In un luogo o in un altro, le donne sono alla ricerca di un uomo con cui scambiare i geni per formare una famiglia. Voi donne avete troppe cose nella testa, noi uomini abbiamo solo una cosa: eiaculare. E per questo facciamo bum, bum, ciao.
Anagrafica Principale
Vero nome è Rodrigo de la Serna, nasce a Buenos Aires il 18 aprile 1976 sotto il segno zodiacale dell'Ariete. E' alto 172 cm. Inizia la sua carriera televisiva nel 1995 nella serie Cibersix. Nel 2004 debutta al cinema nel film I diari della motocicletta. Recita in numerosi altri film e serie tv argentine come Okupas, Sol Negro e Vulnerables. Nel 2014 è  scelto per interpretare Papa Francesco in Chiamatemi Francesco (2016). Nel 2019 è ne La Casa di Carta con Palermo.
Nome e CognomeRodrigo de la Serna
Data di nascita18/04/1976
Luogo di nascitaBuenos Aires
ProfessioneAttore
Anagrafica Principale
Vero nome è Rodrigo de la Serna, nasce a Buenos Aires il 18 aprile 1976 sotto il segno zodiacale dell'Ariete. E' alto 172 cm. Inizia la sua carriera televisiva nel 1995 nella serie Cibersix. Nel 2004 debutta al cinema nel film I diari della motocicletta. Recita in numerosi altri film e serie tv argentine come Okupas, Sol Negro e Vulnerables. Nel 2014 è  scelto per interpretare Papa Francesco in Chiamatemi Francesco (2016). Nel 2019 è ne La Casa di Carta con Palermo.
Nome e CognomeRodrigo de la Serna
Data di nascita18/04/1976
Luogo di nascitaBuenos Aires
ProfessioneAttore
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonella Acernese Studentessa di Lettere Moderne alla Federico II di Napoli. Sono cresciuta a contatto con libri d'ogni genere, sviluppando amore verso le lettere e il potere della loro combinazione. Ho iniziato a collaborare con testate giornalistiche e scrivendo su blog, sin da giovanissima,. L'obiettivo di affermarmi nel mondo lavorativo, in qualità di giornalista, è la mia più grande motivazione . Fortemente affascinata dall'essere attiva sul campo e vigile nello sguardo nei confronti della realtà. Mi appassionano i dettagli, i retroscena, la possibilità di scoprire antefatti e di non arrestarsi mai, in tale ricerca. La dedizione nella ricerca costante dei dettagli è alla base della rubrica di Attualità che curo: "Le biografie dei personaggi". Curiosità, fatti e i loro mondi da scoprire, mi affascinano e mi stimolano nell'addentrarmi in essi e narrarli. Dico da sempre e senza remore, di essere nata per scrivere, per fondere insieme questa mia passione alla volontà di contribuire ad un servizio pubblico, ad informare e far conoscere. Scrittura pulita, chiara e rispettosa, un plain language, è ciò a cui miro nella stesura degli articoli, affinché cronaca e notizie possano essere consumate da tutti, senza alcun ostacolo di chiarezza. Leggi tutto