• Liguori
  • Boschetti
  • Coniglio
  • Leone
  • Ward
  • Miraglia
  • de Durante
  • Bonetti
  • Carfagna
  • Quaglia
  • Dalia
  • Romano
  • Paleari
  • Mazzone
  • Santaniello
  • Romano
  • Cocchi
  • Valorzi
  • Casciello
  • Meoli
  • Rinaldi
  • De Luca
  • Bruzzone
  • Alemanno
  • Baietti
  • Tassone
  • Scorza
  • Ferrante
  • Rossetto
  • Cacciatore
  • Catizone
  • De Leo
  • Falco
  • Pasquino
  • Andreotti
  • Barnaba
  • Grassotti
  • Califano
  • Algeri
  • Gelisio
  • Gnudi
  • Chelini
  • Bonanni
  • Buzzatti
  • Napolitani
  • Quarta
  • di Geso
  • Crepet
  • Antonucci

Invalsi terza media 2022: date, esempi prove svolte e consigli

Flavia de Durante 14 Marzo 2022
F. d. D.
29/05/2022

Quando si fanno le prove invalsi terza media 2022, date e come prepararsi al meglio ai test di italiano, inglese e matematica: esercitazioni e consigli del professore.



Arrivano le date ufficiali, quando si terranno le prove invalsi terza media 2022 e come sono strutturate le prove di inglese, matematica ed italiano? Partiamo col dire che le prove si svolgeranno tra il primo e il trenta del mese di aprile 2022.

In questo lasso di tempo, fissato a livello nazionale, saranno le singole scuole a decidere autonomamente la data delle singole prove, valutando la soluzione migliore in base al numero di allievi e pc disponibili. A questo proposito ricordiamo che le prove, come ogni anno, si svolgeranno al PC, e si tratta infatti di quesiti CBT (Computer Based Tests). Le invalsi 3 media, inoltre, quest’anno, tornano a rappresentare un requisito di ammissione all’esame di terza media cosa che, negli ultimi due anni, era venuta meno a causa dello stato pandemico.

Come si svolgeranno i test invalsi 2022 inglese, matematica e italiano? Come sempre, innanzitutto, sono previste tre differenti mini-esami: uno di italiano, uno di matematica ed uno di inglese. A svolgerli sono tutti gli studenti prossimi all’esame finale: i ragazzi avranno 90 minuti per rispondere alle domande di ciascuna prova. L’obiettivo principale dei quiz, oltre ad essere quello di “abituare” i ragazzi a gestire il tempo a disposizione per una prova, e anche quello di testare il livello di preparazione degli studenti a livello nazionale.

Vediamo le novità prove invalsi terza media 2022, come funziona e come si svolge il test, quando si fanno e a cosa servono le prove di inglese, italiano e matematica.

Novità invalsi terza media 2022:cosa cambia e come si svolgono i test e ed esempio prove svolte

Quali sono le novità in arrivo nel 2022 per i test invalsi, come si svolgono? Innanzitutto, come anticipato, le prove da quest’anno torneranno a rappresentare un requisito d’ammissione indispensabile all’esame finale.

Come ogni anno, questi quiz hanno lo scopo di valutare le conoscenze di italiano, matematica ed inglese dell’intera nazione e delle differenti regioni, in base ai risultati ottenuti dagli studenti. In linea generale, si svolgono alle elementari, alle medie e al liceo, in diverse forme e modalità.

E’ importante ricordare che i quiz vengono preparati dall’Istituto Invalsi: in questo modo, le domande risultano uguali per tutte le scuole della nazione. Sono quindi gli stessi e proprio per questo garantiscono un valido metro di giudizio.

Ogni quiz ha una durata di 90 minuti e questo rappresenta un’altra novità in arrivo per quest’anno: l’anno scorso, infatti, erano previsti 15 minuti in meno. La decisione, presa dal MIUR, permette agli studenti di avere più calma per studiare ed organizzare le risposte alle domande.

Ma come funzionano e su cosa vertono le prove invalsi 2022 alla scuola media matematica, inglese ed italiano?

  • Italiano: divisa in due sezioni. La prima, comprendente diverse analisi del testo; la seconda, comprendente domande sulla lingua, sul lessico e di grammatica.
  • Matematica: verte su argomenti specifici quali numeri, geometria, relazioni e funzioni; dati misure, previsioni. Ovviamente, non si può utilizzare la calcolatrice.
  • Inglese: lo studente dovrà analizzare due testi differenti. Il primo, di livello A1; il secondo, di livello A2. Ogni testo sarà accompagnato da domande di comprensione. Inoltre, sono previsti un reading e un listening.

Come arrivare preparati? Senza dubbio, partendo dalle esercitazioni/simulazioni! Utilizzare le prove degli scorsi anni per allenarsi è un ottimo metodo per imparare a gestire il tempo in base alle domande davanti alle quali ci si ritrova. Se ne possono trovare, in particolar modo, numerose sul sito della Zanichelli, in una sezione dedicata.

Puoi scaricare qui una prova di matematica… ed iniziare subito ad esercitarti!

Calendario prove invalsi: quando si svolgono i test

Compreso come si svolgono e a cosa servono, passiamo al calendario delle prove invalsi 2022, quando si svolgono quest’anno, quali le date?

Il calendario è stato pubblicato recentemente. Come già sottolineato, si svolgerà il tutto tra il 1 e il 30 aprile 2022. Le classi campione, invece, le faranno in prima battuta tra il 4 e il 7 aprile; e, in seguito, tra l’11 e il 13.

Ma chi sono le classi campione? Si tratta delle classi scelte come rappresentative del sistema scolastico italiano e i cui risultati servono come riferimento per la valutazione nazionale.

Ad ogni modo, ricordiamo che le date prove invalsi 2022 dell’esame di terza media non vengono stabilite dal MIUR, bensì in autonomia da ogni singola scuola. Il test, infatti, essendo al PC, potrebbe rappresentare un problema per quelle scuole che non sono sufficientemente attrezzate dal punto di vista informatico-tecnico. Basti pensare, ad esempio, a chi non possiede un adeguato numero di PC. Per questo motivo, si stabilisce un ampio range di date nelle quali i singoli plessi possono organizzare, a seconda del numero di alunni e della strumentazione a disposizione, i turni per svolgere le prove al pc.

Consigli test invalsi terza media 2022 dei docenti

Come prepararsi al meglio per superare brillantemente le prove invalsi scuola media 2022? Lo abbiamo chiesto al professore Mario G., docente di italiano in una scuola media nel casertano.

“I ragazzi sono sempre molto spaventati dalla prova invalsi. Credo sia principalmente per il timore di non riuscire ad inquadrare rapidamente il focus della domanda e ciò che, insomma, viene richiesto. Il fattore tempo poi, assieme al timore di sbagliare, rappresentano una combo micidiale.”- Ci spiega il docente.-

“Mi piace dire ogni anno ai miei studenti che questi test riescono a sondare, oltre che la preparazione dei ragazzi nelle differenti discipline, anche a soprattutto la loro capacità di tenere sotto controllo ansia, stress e tempo. Ansia e stress sono relativi, in particolar modo, alla sensazione di spaesamento che provano gli studenti davanti ai fascicoli invalsi: non si conosce l’argomento della prova e, soprattutto, non sono i professori di scuola ad averla preparata. Questo, psicologicamente, rappresenta davvero un ostacolo per gli alunni.”

“Perché? Perché si esce fuori dalla “zona di sicurezza” che si prova quando ci si ritrova davanti ad un compito fatto sulla base degli argomenti sicuramente studiati e realizzato da una persona che sicuramente si conosce.”- Chiarisce il professore.-

“Comunque, superato quest’ostacolo emotivo, i test possono essere serenamente affrontati. L’essenziale è esercitarsi a lungo, anche assieme ai professori, volti amici e punti di riferimento. Lavoro a casa e lavoro in classe risultano essere, come sempre, la combinazione vincente. Ragazzi, mi rivolgo direttamente a voi: allenatevi al pc, sui vari siti internet che mettono a disposizione le prove degli anni precedenti. Leggete le istruzioni nei mesi precedenti, così da arrivare preparati e risparmiare tempo.”

“Prendete confidenza con la lettura del test da uno schermo e la capacità di analizzarlo anche senza averlo su carta. Riflettete, non correte. Imparate a gestire il tempo e le vostre emozioni. E, soprattutto, se avete un dubbio o una paura, parlatene con i vostri professori!”- Conclude il docente.-

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Flavia de Durante Laureata in Lettere Moderne con il massimo dei voti all'Università degli studi di Salerno. Da sempre amante della lettura, mi diletto a scrivere sin dalla prima adolescenza. Mi interessa esplorare il mondo circostante in tutte le sue sfumature ed in particolare l'animo umano e i rapporti interpersonali. I temi che maggiormente mi interessano sono quelli legati alla cultura, alla storia, al costume, all'ambiente, all'attualità. Vedo nel settore del giornalismo non solo la possibilità di trasmettere dati ed informazioni, ma anche una grande opportunità di acquisire nuove e varie conoscenze. La curiosità e la voglia di sapere sono i motori principali che mi hanno spinto a intraprendere questo percorso. Leggi tutto